Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lanciata in diretta live della Soyuz per la stazione spaziale internazionale: equipaggio tutto russo, poi toccherà all'astronauta della Nasa Come vedere l'Iss sull'Italia

Venerdì 18 Marzo 2022 di Paolo Ricci Bitti
Lancio in diretta live della Soyuz per la stazione spaziale internazionale: equipaggio tutto russo, poi toccherà all'americano

Nonostante le bellicose dichiarazioni di Dmitry Rogozin, capo dell'agenzia spaziale russa, e nonostante l'invasione dell'Ucraina e la guerra delle sanzioni, la pacifica routine della stazione spaziale internazionale continua regolarmente. Oggi alle 16.55 è avvenuto il previsto lancio dal Baikonur, nel Kazakhstan, della navicella Soyuz MS-21 (segui la diretta live) con equipaggio tutto di cosmonauti russo come non accadeva da 22 anni, mentre il 30 marzo sarà sempre la storica navicella di Mosca a riportare sulla Terra l'astronauta americano della Nasa, Mark Thomas Vande Hei, fresco di record di permanenza nello spazio (un anno). L'Iss, in attività dal 2000, si conferma almeno finora un'isola di cooperazione (Usa, Russia, Europa, Canada e Giappone) immune dai conflitti sulla Terra. 

 

 

Paolo Ricci Bitti

 

Come vedere l'Iss questa sera

 

 

Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov sono partiti come da programma: era dall'aprile del 2000 che la Soyuz non trasportava in orbita un equipaggio formato esclusivamente da astronauti professionisti russi. Negli ultimi due decenni, infatti, si sono alternati equipaggi misti, formati da russi ma anche astronauti e 'turisti' di altre nazionalità, inclusi americani, europei, sudafricani e giapponesi.

Unica eccezione il volo della Soyuz MS-19 dello scorso ottobre, con a bordo un astronauta russo insieme a un'attrice e un regista suoi connazionali. «Per la prima volta in molti anni un equipaggio completamente russo», aveva scritto Rogozin su Twitter alcune ore prima del lancio. Pochi istanti dopo la partenza della Soyuz, invece, ha commentato più seccamente: «A Baikonur, il lancio è avvenuto all'ora prevista. Regolarmente». La diretta è stata trasmessa online sia dalla Nasa sia dall'agenzia spaziale russa, ma solo la prima riportava nel video i loghi di entrambe le agenzie spaziali. Ora c'è attesa per l'atmosfera che si respirerà sulla Iss, dove i russi saranno accolti da due connazionali, quattro americani e un tedesco. Tra gli spettatori più attenti al lancio anche Samantha Cristoforetti che tornerà per la seconda volta sull'Iss a metà aprile, usando però una navicella CrewDragon di SpaceX di Elon Musk al decollo dagli usa, da Cape Canaveral.

A stemperare le tensioni in orbita contribuirà anche il compleanno di Matthias Maurer, l'astronauta tedesco dell'Agenzia spaziale europea (Esa) che oggi (al quinto mese della sua prima missione sulla Iss) festeggia 52 anni. I tre cosmonauti in procinto di giungere sulla Stazione spaziale resteranno in orbita per una missione di sei mesi e mezzo, durante la quale svolgeranno fino a un massimo di sette passeggiate spaziali, secondo quanto anticipato durante una conferenza stampa pre-lancio organizzata dalla Roscomos. I loro connazionali Anton Shkaplerov e Pyotr Dubrov torneranno invece sulla Terra il prossimo 30 marzo a bordo della Soyuz MS-19 insieme all'americano Mark Vande Hei.

Video

Al momento questo viaggio di rientro non sembra essere in discussione, nonostante qualche settimana fa Rogozin abbia rilanciato sui social un video parodia che mostrava i due cosmonauti russi pronti a tornare sulla Terra lasciando l'americano sulla Iss. È invece previsto per aprile l'arrivo in orbita della navetta Crew Dragon di SpaceX con tre astronauti della Nasa e l'italiana Samantha Cristoforetti dell'Agenzia spaziale europea (Esa), pronta a intraprendere la sua missione Minerva.

 

Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA