Lightdrop, un nuovo social network italiano per sostenere la rinascita delle economie locali

Lunedì 11 Ottobre 2021
Lightdrop, un nuovo social network italiano per sostenere la rinascita delle economie locali

Utilizzare i social in chiave sostenibile per aiutare le economie locali. È questa l'idea di LightDrop un nuovo social network italiano che propone di incentivare la socialità nelle persone attraverso la creazione di eventi organizzati dagli utenti del social. Questi ultimi guadagnano da questa attività fino al 9% dei profitti di Lightdrop che cerca 550 nuove figure, i cityfounder, ovvero persone che vogliono portare il social network nella loro città e organizzare eventi che possano portare benefici alla loro comunità locale, anche guadagnando grazie a questa attività.

«L'esperienza reale, la vera socialità -spiegano da Lightdrop- sta diventando sempre più una chimera. Sebbene i social network siano nati per connettere le persone, col passare degli anni si è venuto a creare un vero e proprio paradosso: rinchiuse nelle proprie bolle virtuali, le persone -costantemente connesse- fanno sempre più fatica a interagire con il mondo fisico e i ripetuti lookdown hanno peggiorato ulteriormente la situazione. Secondo uno studio condotto dalle Università di Milano e Swansea (GB), l'abuso di Internet rischia di ridurre le capacità di apprendimento degli studenti universitari che, a causa della tecnodipendenza risultano infatti meno motivati, più ansiosi e aggressivi». Lightdrop è la startup progettata per creare nuove opportunità. Sulla piattaforma, chiunque ha la libertà di condividere le proprie passioni, partecipare ad attività ed eventi da vivere con amici o sconosciuti che decideranno di unirsi. Non si tratta di un ennesimo social dove condividere foto, video e discussioni fini a se stessi, nascosti dietro uno schermo: Lightdrop è il mezzo per tornare a condividere esperienze, hobby nella realtà, dando l'opportunità a chiunque di guadagnare dalle proprie passioni. 

Google “Search on” Event: l’Intelligenza Artificiale rende più utili le informazioni

«Lightdrop nasce dal desiderio di riportare le persone a vivere la reale socialità, fonte di felicità e di libera espressione. È fondamentale riprendere il controllo di sé e delle proprie relazioni, prendere consapevolezza del fatto che la tecnologia deve essere utilizzata come uno strumento al servizio della realtà e del benessere delle persone e non, come succede nella maggior parte dei social network, per tenerle schiave di uno schermo, soprattutto in un periodo di reclusione e isolamento forzato come quello che stiamo vivendo, che purtroppo sta rendendo normale vivere attraverso il virtuale, distruggendo le relazioni e la micro economia locale», spiega Fabiano Buongiovanni, Ceo di Lightdrop.

Per ogni attività o gesto compiuto in Lightdrop viene riconosciuto un valore in LightPoint con i quali, ogni iscritto, potrà partecipare alla condivisione dei profitti aziendali. Lightdrop è, infatti, la prima azienda al mondo che condivide meritocraticamente fino al 91% dei profitti con tutta la Community, siano essi persone o attività commerciali, consapevole che loro sono il vero valore del progetto. Basandosi su una tecnologia blockchain based, Lightdrop vuole garantire totale trasparenza sui ricavi e su quanto viene condiviso con ogni membro. Inoltre, il 12% dei profitti condivisi viene direttamente destinato a realizzare progetti a scopo sociale, dalla sostenibilità, al no profit, all'aiuto a popolazioni più in difficoltà, tutti progetti proposti e votati dalla Community. Chi si iscrive a Lightdrop può organizzare o scoprire attività ed eventi, definiti momenti, che si stanno svolgendo o verranno organizzati nelle vicinanze; momenti che possono essere gratuiti o a pagamento, già precedentemente organizzati, oppure improvvisati sul momento, come semplici passeggiate al parco, una cena, partite a Risiko, corsi di cucina o musica, un aperitivo, un concerto o attività socialmente utili come piantare alberi o passare del tempo con chi ne ha più bisogno.

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 12:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA