​Apple fa causa a una piccola azienda: ha usato come logo una pera stilizzata

Martedì 11 Agosto 2020 di Marta Ferraro
​Apple fa causa a una piccola azienda per aver utilizzato una pera stilizzata come logo

Gli sviluppatori di un'applicazione chiamata Prepear, creata per memorizzare ricette, pianificare pasti o fare liste della spesa, sono stati denunciati dalla Apple, che non ha accolto con favore il logo che hanno scelto. Il motivo del conflitto, infatti, è la pera stilizzata che i creatori di Prepear hanno deciso di scegliere come logo della piccola azienda.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dear Instagram Friends- I NEED YOUR HELP! I know there are a lot of heavy things going on in the world right now, and this is nothing in comparison, but I need your help in a situation that is affecting me, my family, and my coworkers. Please help! Many of you know that I started a business called Prepear almost 5 years ago. It is an app that you can store all your recipes in one place, plan your meals, make grocery lists, and get your groceries delivered all in one place. Recently @apple yes, The trillion dollar Apple, has decided to oppose and go after our small business’ trademark saying our pear logo is too close to their apple logo and supposedly hurts their brand? This is a big blow to us at Prepear. To fight this it will cost tens of thousands of dollars. The CRAZY thing is that Apple has done this to dozens of other other small business fruit logo companies, and many have chosen to abandon their logo, or close doors. While the rest of the world is going out of their way to help small businesses during this pandemic, Apple has chosen to go after our small business. I’m not trying to get anyone to stop using or buying Apple products. I feel a moral obligation to take a stand against Apple's aggressive legal action against small businesses and fight for the right to keep our logo. We are defending ourselves against Apple not only to keep our logo, but to send a message to big tech companies that bullying small businesses has consequences. HOW YOU CAN HELP: 1 Sign the petition (link in my bio or in my stories) 2 Share that same link on Facebook, Instagram, Twitter, etc. http://chng.it/QPd2mRYW #savethepearfromapple

Un post condiviso da Healthy Kids Recipes•Routines (@superhealthykids) in data:


Apple ha affermato che la frutta utilizzata dall'applicazione «è troppo simile al suo iconico logo», fattore che può confondere i suoi consumatori. Per far fronte all'azione dell'azienda di Cupertino, i proprietari dell'applicazione, che hanno anche il portale Super Healthy Kids sulla pianificazione dei pasti per bambini e famiglie, hanno deciso di raccontare, come spiega Actualidad, il loro problema sui social network e chiedere aiuto agli utenti attraverso una petizione su Change.org.

«Apple si è opposta alla richiesta del marchio della nostra piccola azienda, Prepear, chiedendoci di cambiare il nostro logo, utilizzato per rappresentare il nostro marchio», afferma la petizione, che in una settimana ha accumulato 26.759 firme.
«Prima di attaccarci, Apple si è opposta a dozzine di altre domande di marchio depositate da piccole imprese con loghi relativi alla frutta. Molti di questi loghi sono stati modificati o abbandonati. La maggior parte delle piccole imprese non può permettersi le decine di migliaia di dollari che ci vorrebbero per combattere la Apple», afferma l'autore della pubblicazione, Russell Monson.
«È un'esperienza molto spaventosa essere attaccati legalmente da una delle più grandi aziende del mondo», ha riferito il team di Prepear che ha solo 5 membri, aggiungendo che a causa del processo costoso hanno già licenziato uno dei loro dipendenti. Tuttavia, nonostante le difficoltà, hanno assicurato di non essere disposti a rinunciare alla loro lotta.
«Sentiamo un obbligo morale di prendere posizione contro le azioni legali aggressive di Apple contro le piccole imprese e di lottare per il diritto di mantenere il nostro logo. Ci stiamo difendendo da Apple non solo per mantenere il nostro logo, ma per inviare un messaggio alle grandi aziende tecnologiche che intimidiscono le piccole imprese», hanno concluso.
Da parte sua, un rappresentante della Apple non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento del New York Post in merito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA