Apple, Tim Cook alla Ue: «I dati possono essere armi, le società digitali ci conoscono meglio di noi stessi»

Oggi l'uso dei dati personali degli utenti internet è stato «reso un'arma con efficienza militare» dove tutto, «dalle nostre speranze alle nostre paure» è stato assemblato in «profili digitali» dove «le società digitali ci conoscono meglio di noi stessi», arrivando a mostrarci solo le cose che ci interessano sino a «punti di vista ormai limitati anche nelle notizie». «Questa è sorveglianza». È l'allarme lanciato dall'ad di Apple Tim Cook alla conferenza internazionale Ue sulla privacy a Bruxelles, sottolineando che invece la Mela «ha sempre avuto la privacy nel suo sangue».

La tecnologia può fare progredire la società «ma allo stesso tempo può fare danni anziché aiutare», ha continuato Cook nel suo intervento, e oggi si vede come «può in verità ingrandire le peggiori tendenze umane» o «rendere più profonde le divisioni» sino a «minare il discernimento tra quello che è vero e quello che non lo è». È il monito lanciato dall'ad di Apple Tim Cook alla conferenza Ue sulla privacy, sottolineando che di per sé la tecnologia è neutra, «non vuole fare cose buone, non fa niente in realtà», ma quello che fa, il suo uso, «dipende da noi».

«È giunto il momento per il resto del mondo incluso il mio Paese», gli Usa, «di seguire la guida» dell'Ue sulla privacy del regolamento Gdpr, «noi alla Apple sosteniamo pienamente una legge onnicomprensiva sulla privacy negli Stati Uniti», ha detto ancora l'ad di Apple, «Non possiamo sviluppare la tecnologia al suo massimo se gli utenti non hanno fiducia in essa», ha avvertito, chiedendo di garantire una raccolta minima di dati personali per default, conoscenza dei propri dati raccolti, diritto all'accesso e alla sicurezza.
Mercoledì 24 Ottobre 2018, 12:35 - Ultimo aggiornamento: 24-10-2018 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-06 00:52:12
I dati sono importanti (anche le parole)

QUICKMAP