Bioplastica dalle alghe, nelle suole la frontiera del green

Bioplastica dalle alghe, nelle suole la frontiera del green
Venerdì 30 Settembre 2022, 19:16 - Ultimo agg. 19:18
2 Minuti di Lettura

Le nuove forme di ecosostenibilità passano per l'utilizzo dei materiali più curiosi. L'azienda marchigiana Dami che produce fondi per calzature "cambia pelle" inserendo sempre più materiali green nelle sue collezioni autunno-inverno 2023/2024: è il caso dei fondi   realizzati con  la bioplastica derivante da microalghe  in eccesso, una componente che  può trasformare il fenomeno delle proliferazioni algali (bloom),  da problema in opportunità, un espanso flessibile ad alte prestazioni.

Altra versione eco-friendly del reale è restituita dal liquid wood ,  ovvero lignina pura o associata a fibre naturali in quantità variabili in base all’impiego, garantisce ottime performances ambientali rispetto ad altri polimeri.

Adatta alle traiettorie mobili  di chi lo indossa  è il PA2200 Polyamide 12, prototipo di tessuto stampato in 3D e realizzato da Dami. La texture ricorda  la pelle dei serpenti, così come la  flessibilità e la resistenza. La struttura presenta solidità, durezza,  biocompatibilità, risulta  personalizzabile in un’ampia varietà di forme e grandezze ed è  completamente skin contact.

© RIPRODUZIONE RISERVATA