Da Apple a Huawei: la provincia del Guizhou in Cina leader dei big data

Lunedì 31 Maggio 2021
Da Apple a Huawei: la provincia del Guizhou in Cina leader dei big data

La scelgono tutti, da Apple a Huawei, per concentrare qui gli hub di cloud computing e big data oltre alle proprie sedi regionali. In Cina è esplosa la "moda" della provincia sudoccidentale del Guizhou, che è diventata leader dell'industria in questo ambito tecnologico

Le ricche risorse di questa zona in termini di big data stanno dando uno slancio di crescita nell'economia digitale. Basti pensare che tra il 2016 e il 2020, il tasso di crescita economica digitale del Guizhou si è classificato al primo posto in Cina per cinque anni consecutivi. Nel 2021, si prevede che il valore aggiunto della sua economia digitale superi i 600 miliardi di yuan (circa 91,7 miliardi di dollari). In qualità di pioniere nazionale nell'attuazione della strategia di big data della Cina, Guizhou raccoglierà sforzi quali il potenziamento dell'effetto clustering dei data center, la promozione dell'integrazione dei big data con l'economia reale e il miglioramento dell'ambiente di sviluppo industriale, per stimolare il progresso di questo settore. Il colosso tecnologico cinese Huawei sta accelerando la costruzione del suo parco industriale, che comprende un data center e un'università, nella Guìan New Area, una nuova zona urbana di livello nazionale nel Guizhou. Dopo il completamento previsto per agosto, il data center sarà in grado di ospitare l'installazione di circa 800.000 server per memorizzare i dati di gestione globale di Huawei e fornire servizi cloud per gli utenti di 170 Paesi e regioni. A un isolato di distanza, sorge invece il primo centro di elaborazione dati cinese di Apple, a fronte di un investimento di 1 miliardo di dollari, è entrato in funzione lo scorso martedì. È probabile che quest'ultimo migliori ulteriormente l'esperienza degli utenti nazionali in termini di velocità di accesso e affidabilità del servizio, oltre a potenziare l'affidabilità complessiva dei prodotti e dei servizi di Apple nella Cina continentale.

L'evoluzione - Nel 2020, la zona pilota ospitava più di 5.000 aziende di big- data e 23 centri di elaborazione dati in funzione o in costruzione e nello stesso anno il valore aggiunto della sua economia digitale ha raggiunto quota 164,9 miliardi di yuan. Con l'arrivo di ulteriori data center, nei prossimi cinque anni Guiyang darà vita a un settore di centri dati con un investimento superiore ai 100 miliardi di yuan, coltivando inoltre un'industria di produzione di informazioni elettroniche e un cluster di servizi di software e informatici che valgono 100 miliardi di yuan ciascuno. «Il Guizhou dovrebbe diventare uno dei più grandi centri dati del mondo in pochi anni», ha dichiarato Vladimir Norov, segretario generale della Shanghai Cooperation Organization, durante la China International Big Data Industry Expo 2021 che si è conclusa venerdì a Guiyang, capoluogo della provincia.

Ultimo aggiornamento: 1 Giugno, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA