Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Leonardo Da Vinci diventa un Nft con ologramma e va all'asta: l'idea di due italiani

Venerdì 15 Aprile 2022
Metaverso, il primo Nft con ologramma 3D di un'opera di Leonardo Da Vinci andrà all'asta: l'idea di due italiani

Leonardo Da Vinci arriva nel Metaverso. E lo fa in una veste del tutto nuova grazie grazie all’invenzione dell’HoloNFT: un brevetto tutto nostrano ad opera di Andrea Prince e Leonardo Terzulli, che grazie alla moderna tecnologia olografica si propone di trasferire l’universo digitale nel mondo fisico.

Il 21 aprile sarà messo all'asta il primo HNFT, cioè Nft con Ologramma, di un'opera d'arte del grande maestro italiano: "La Bella principessa" a partire da un'offerta iniziale di $ 100.000. Non si tratta di una semplice "copia digitale e unica" del quadro (come nel caso degli Nft classici) ma di una tecnologia nuova che affianca al token digitale anche una riproduzione fisica e fruibile, tramite ologramma 3D, dell'opera acquistata.

Il valore stimato de "La Bella Principessa" si avvicina a quello del controverso "Salvador Mundi", acquistato per oltre 450 milioni di dollari dal principe saudita Mohammed bin Salman.

Il brevetto dell'HoloNft è frutto della collaborazione tra The Holoverse e MakersPlace. L'azienda The Holoverse nasce da un'idea di Laserman Industries, un gruppo tecnologico per spettacoli dal vivo che ha esteso le proprie capacità olografiche al mondo dell'arte digitale.  

Come nasce l'Holo Nft de "La Bella Principessa"

L'Hnft che sarà messo all'asta il 21 aprile è il primo del suo genere: combina storia e tecnologia, risorse fisiche e digitali nella vendita di un NFT unico. Il lavoro comprende più componenti: un'immagine statica ad alta risoluzione da 425 MB NFT. Un'immagine fotogrammetrica multi-gigabyte della tela originale. Un esclusivo ologramma 1:1 (HNFT) con vetrina in cristallo. 

L'immagine fotogrammetrica sbloccabile inclusa nell'acquisto dell'opera consente di esplorare la tela in dettagli mai visti prima. C'è poi l'ologramma 3D, che è generato dalla rotazione ad altissima velocità (900 rotazioni al minuto) di quattro lame contenenti 256 micro LED e microprocessori, che utilizzano un algoritmo per comporre l'opera nell'aria. L'apparecchio è contenuto in una custodia di cristallo di 73 cm x 73 cm x 12 cm. 

Ma come si crea un Holo Nft? La tela originale viene scansionata in un'immagine fotogrammetrica multi-gigabyte che consente allo spettatore di ingrandire ogni punto dell'opera, per captarne dettagli invisibili a occhio nudo. 

"La Bella Principessa" l'opera di Leonardo Da Vinci rimasta segreta fino agli anni 90

La Bella Principessa (detta anche Ritratto di Bianca Sforza ) è un ritratto a pastello e gesso su pergamena che ritrae una giovane donna con un bellissimo vestito rinascimentale e una retina per capelli. La modella è probabilmente Bianca Sforza, figlia illegittima di Ludovico Sforza, duca di Milano e mecenate di Leonardo. L'opera fu scoperta per caso nel 1998 e gli studiosi, dopo un'attenta analisi appurarono che si trattava di un dipinto sino ad allora sconosciuta di Leonardo da Vinci. 

Si ritiene che l'opera fu commissionata a Leonardo da Ludovico Sforza, duca di Milano, per celebrare il matrimonio della sua amata ma illegittima figlia, Bianca, nel 1496 con un nobile italiano. Il futuro marito era capitano delle forze armate milanesi e mecenate di Leonardo. Tragicamente, Bianca morì pochi mesi dopo il suo matrimonio a causa di complicazioni durante la gravidanza. Fu oggetto di molti ritratti nella sua giovane vita e questo fu probabilmente il suo ultimo ritratto. 

L'opera è anche una delle poche di Leonardo Da Vinci in mani private ed è conservata in una cella frigorifera sotto chiave a Ginevra: è stata esposta al pubblico solo tre volte e verrà esposta in un famoso museo il prossimo autunno per una mostra temporanea.

Ora, il team di Holoverse ha ottenuto i diritti commerciali esclusivi per la creazione del da Vinci NFT attraverso una collaborazione con l'azienda italiana Scripta Maneant in collaborazione con il proprietario privato del dipinto fisico. 

 

Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 09:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA