Sky WiFi triplica la copertura e porta la sua rete in 1.500 città d'Italia

Giovedì 21 Gennaio 2021 di Francesco Malfetano
Sky WiFi triplica la copertura e porta la sua rete in 1.500 città d'Italia

Con la domanda cresce anche l'offerta. Se i volumi di traffico sulla rete sono letteralmente esplosi nell'ultimo anno, raggiungendo picchi del +90% durante il lockdown totale del marzo scorso, lo ha fatto anche il mercato della banda ultra larga. E questo, grazie a nuovi attori, partnership e la continua infrastrutturazione della Penisola offre ora nuove possibilità.

Tra queste fa un balzo in avanti Sky. A 6 mesi dal lancio del suo nuovo servizio ultra broadband Sky Wifi, il colosso ieri ha annunciato la triplicazione della propria copertura di rete. In pratica il servizio ha raggiunto una capillarità di rilievo, divenendo ora disponibile in oltre 1500 città e grandi comuni (ora copre la quasi totalità dei capoluoghi di provincia italiani e cambia la copertura a Roma, che passa dal 18% al 74%). Una maggiore diffusione dietro cui si cela un accordo wholesale - vale a dire all'ingrosso, acquisendo cioè solo l'uso dell'infrastruttura - siglato con Fastweb. Una partnership che prevede la fornitura di connettività nell'ultimo miglio, ovvero il tratto che separa l'armadio in strada dall'abitazione. Offre cioè la migliore tecnologia FTTC disponibile in quelle aree non ancora coperte dalla fibra di Open Fiber.

Quella di Sky Wifi però è una rete particolare perché non solo garantisce la connessione nel migliore dei modi possibili a seconda della zona di riferimento, ma è anche ottimizzata per lo streaming video in alta qualità - il servizio che necessita di più banda in assoluto per gli italiani - ed è capace di creare nelle case una sorta di ecosistema personalizzabile. Una variabile quest'ultima molto innovativa per l'Italia. Lo Sky Wifi Hub che si occupa di distribuire la rete nelle case, sfrutta infatti una tecnologia sviluppata da Comcast. È cioè dotato di un algoritmo che elabora in tempo reale i dati dei dispositivi utilizzati nell'abitazione, assicurando una navigazione fluida in ogni angolo della casa (oltre che consentire con l'App Sky Wifi la gestione della rete creando un profilo per ciascun componente della famiglia, mettendo in pausa il Wifi o attivando il parental control). Non solo. Il colosso ha puntato molto su tutta un'altra serie di innovazioni tecnologiche. Sulla sua infrastruttura di rete primaria - che è interamente in fibra - Sky ad esempio, è in grado di modulare in modo intelligente la capacità di banda, ampliandola in funzione del traffico dati. Oppure, grazie all'interconnessione diretta con i principali operatori del settore (content provider e fornitori di servizi Over-The-Top), i contenuti video in streaming che viaggiano sulla rete Sky raggiungono gli abbonati con la massima qualità e stabilità possibile. Hanno cioè un accesso differenziato e più immediato.

«Siamo felici di poter dare ad ancora più persone la possibilità di accedere alla qualità e alla potenza della connessione ultra broadband di Sky Wifi, e di poter scegliere la semplicità della nostra soluzione triple play - dice Maximo Ibarra, amministratore delegato di Sky Italia - Questa partnership con Fastweb per l'ultimo miglio, insieme a quella già stretta con Open Fiber, ci permette di raggiungere in modo capillare tutta la Penisola».
Il triple play a cui ha fatto riferimento Ibarra durante la presentazione dell'offerta è la peculiarità che forse caratterizza più di ogni cosa Sky. Con Wifi infatti, il colosso permette di unire l'offerta TV a quella internet e voce. Combina quindi alla sua connessione ad alta efficienza, i contenuti e le produzioni originali di Sky e Sky Q, con le principali app in streaming. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA