​Un bug nei telefoni Google e Samsung consente di spiare fotocamere e microfoni

Giovedì 21 Novembre 2019 di Marta Ferraro
​​Un bug nei telefoni Google e Samsung consente di spiare le loro fotocamere e i loro microfoni

L'applicazione Fotocamera, che Google ha su dispositivi Android e che viene utilizzata da milioni di persone, consente di scattare foto e video, tuttavia consente di tenere traccia delle posizioni e registrare conversazioni telefoniche inavvertitamente, secondo quanto affermato dai ricercatori dell'azienda della Checkmarx sul loro sito aziendale.

LEGGI ANCHE Indossa la divisa del pilota per saltare la fila: arrestato all'imbarco

Questi specialisti, creando un'applicazione che simulava l'offerta di previsioni meteorologiche e dopo aver ottenuto l'autorizzazione dell'utente a accedere alla memoria interna del proprio dispositivo, ha creato una connessione con il server per ricevere informazioni in remoto anche quando quell'app era chiusa.
Con quel consenso di base richiesto da molte altre applicazioni, questi esperti hanno schivato altre autorizzazioni più avanzate e accedendo alla videocamera del dispositivo per utilizzare la videocamera e il microfono sono riusciti a estrarre i tag di geolocalizzazione dai documenti grafici e tenere traccia della posizione esatta del dispositivo nel tempo.

LEGGI ANCHE WhatsApp, allerta sicurezza: file Mp4 consente di prendere il controllo del dispositivo

Inoltre, questo codice ha permesso di rilevare l'inizio di una chiamata, approfittando dell'accesso al microfono durante l'acquisizione di video per registrare automaticamente la voce di entrambe le parti.
Questa minaccia, inizialmente rilevata sui telefoni Google Pixel 2 XL e Pixel 3, potrebbe interessare anche i dispositivi Samsung.

I dipendenti Checkmarx consigliano di aggiornare il software dei dispositivi come misura preventiva.

Ultimo aggiornamento: 14:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA