Facebook, l'Unione europea: «Cancellare post d'odio a livello globale». Il social: «Non limitare libertà»

Giovedì 3 Ottobre 2019
I singoli Paesi potranno costringere Facebook a eliminare contenuti illeciti come gli 'hate speech', i discorsi di odio, sia all'interno dell'Ue sia in tutto il mondo. Inoltre i tribunali nazionali potranno chiedere al social network di tracciare ed eliminare post identici o equivalenti a un contenuto già giudicato illecito: misure di rimozione, anche queste, che dovrebbero applicarsi a livello mondiale. Lo ha sancito la Corte di giustizia europea, dando ragione a un'esponente del partito austriaco dei Verdi, che aveva fatto causa al colosso di Mark Zuckerberg.

Facebook, trema Libra: sostenitori rivedono partecipazione
Facebook, Zuckerberg contro la senatrice Warren: «Lo scorporo delle Big Tech non fermerà interferenze nelle elezioni»

Un colpo, quello arrivato dal Lussemburgo, che ha suscitato la reazione immediata di Facebook. La sentenza, affermano dalla società, «solleva interrogativi importanti sulla libertà di espressione». Posizione sostenuta anche da attivisti come la britannica Article 19, secondo cui la novità potrebbe diventare uno strumento nelle mani dei regimi autoritari per mettere a tacere le voci critiche.

Le critiche di Facebook riguardano poi il ruolo che le aziende del web dovrebbero svolgere nell'ottica della sentenza europea: la società vede infatti con perplessità il fatto che dovrebbero essere queste ultime a monitorare i contenuti per poi interpretare se sono equivalenti a altri contenuti ritenuti illegali. «Per ottenere questo diritto - sostengono da Facebook - i tribunali nazionali dovranno prevedere definizioni molto chiare su cosa significhino questi termini concretamente». La vicenda ha preso le mosse dall'azione legale intentata dall'austriaca Eva Glawischnig-Piesczek, presidente del gruppo parlamentare dei Verdi, contro Facebook Ireland davanti ai giudici austriaci. L'esponente verde aveva chiesto di ordinare a Facebook di cancellare un commento pubblicato da un utente, ritenuto lesivo del suo onore, nonché affermazioni identiche o dal contenuto equivalente. La Corte suprema austriaca aveva quindi investito della questione la Corte di giustizia Ue, chiedendole di interpretare la direttiva sul commercio elettronico per capire come applicare la norma.

I giudici di Lussemburgo hanno quindi deciso che, sebbene un prestatore di servizi di hosting come Facebook non sia responsabile delle informazioni memorizzate, qualora non sia a conoscenza della loro illiceità, questo non pregiudica la possibilità di ingiungergli di porre fine o impedire una violazione, in particolare cancellando le informazioni illecite o disabilitandone l'accesso. La Corte Ue ha inoltre sancito che un giudice di uno Stato membro può ingiungere a un prestatore di servizi di hosting di rimuovere le informazioni memorizzate il cui contenuto sia identico a quello di un'informazione precedentemente dichiarata illecita o di bloccare l'accesso alle medesime. Infine, la magistratura nazionale può chiedere di rimuovere le informazioni oggetto dell'ingiunzione o di bloccarne l'accesso a livello mondiale. Una sentenza destinata ad avere complicate implicazioni globali e a suscitare ancora polemiche, anche perché arrivata appena una settimana dopo che lo stesso tribunale aveva dichiarato a Google che non è necessario applicare la legge europea sul diritto all'oblio a livello globale.
Ultimo aggiornamento: 4 Ottobre, 07:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA