Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori», ecco lo studio che conferma l'Amarcord

Mercoledì 23 Febbraio 2022
«Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori», ecco lo studio che conferma l'Amarcord

Si dice che prima di morire vediamo "passare la nostra vita davanti agli occhi". Ora il detto popolare potrebbe essere confermato da dati scientifici. Alcuni ricercatori negli Stati Uniti hanno catturato accidentalmente per la prima volta ciò che accade all'interno del cervello di un uomo nel momento della morte. Dai loro risultati, Ajmal Zemmar, neurochirurgo dell'Università di Louisville ha concluso che: «Attraverso la generazione di oscillazioni coinvolte nel recupero della memoria, il cervello potrebbe riprodurre un ultimo ricordo di eventi importanti della vita appena prima di morire». 

 

 

Cervello, cosa avviene quando si muore

La prima "registrazione" di un cervello nel momento della morte è avvenuta per errore: un paziente di 87 anni, in cura per epilessia era collegato ad un elettroencefalogramma, quando improvvisamente ha avuto un infarto ed è morto. Dato che l'uomo era collegato alla macchina di elettroencefalogramma, gli ultimi 15 minuti prima della sua morte sono rimasti registrati. Dall'osservazione delle analisi, è emerso che negli ultimi 30 secondi di vita c'è stato un aumento di onde celebrali note come oscillazioni gamma, associate a attività come il recupero della memoria, la meditazione e il sogno. Questo potrebbe significare che negli ultimi momenti di vita, potremmo vedere una sorta di bobina cinematografica dei nostri migliori ricordi mentre moriamo, una sorta di 'amarcord'. Tuttavia per verificare questa ipotesi sono necessari ancora ulteriori studi.

 

 


 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 10:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA