Ecco il gemello del Vesuvio: un vulcano in Russia replicherà l'eruzione del 79 d.C.

di Mariagiovanna Capone

1
  • 522
Fino a due anni fa era considerato un vulcano estinto. Non aveva mai dato segni di attività fumaroliche o tremori sismici, sebbene sorgesse in una delle aree vulcaniche più attive del pianeta, la penisola di Kamchatka, nell'estremo oriente russo che propende verso il Giappone. Ora però gli studiosi lanciano l'allarme e sono convinti che da un momento all'altro il vulcano Bolshaya Udina potrebbe eruttare, con una modalità esplosiva talmente violenta da paragonarla a quella del Vesuvio del 79 dC o l'eruzione del 1600 in Perù che provocò il raffreddamento dell'Europa e carestie. Il vulcano russo riposa da almeno 42 mila anni, e secondo Ivan Kulanov, geofisico della sezione Kamchatka del Servizio Geofisico unificato dell'Accademia russa delle scienze, quando accadrà una notevole quantità di ceneri salirà oltre i 40 chilometri di altitudine e avrà ripercussioni ambientali, ecologiche ed economiche su tutto l'emisfero settentrionale.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 9 Giugno 2019, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 09-06-2019 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-06-09 08:35:56
Ora ci copiano pure il Vesuvio. Dove andremo a finire...

QUICKMAP