Fridays for Future, in Germania protesta davanti al Bundestag: la nuova legge sul clima non basta

Giovedì 13 Maggio 2021
Fridays for Future, in Germania protesta davanti al Bundestag: la nuova legge non basta

Una catena umana ieri ha circondato il Bundestag a Berlino, ma altre manifestazioni si sono svolte in 15 città diverse della Germania. Il motivo è la legge sul cambiamento climatico per la quale ieri è stata approvata una modifica al progetto dal Consiglio dei ministro tedesco. Per gli attivisti di Fridays for Future non è abbastanza ambiziosa.

Da Colonia a Francoforte, da Monaco a Friburgo, i ragazzi sono tornati in piazza per chiedere che la neutralità climatica venga raggiunta non nel 2045 - come concordato nella nuova legge - ma nel 2035. La modifica della normativa approvata ieri prevede entro il 2030 una riduzione del 65% di emissioni di gas serra, rispetto al precedentemente concordato 55%, e la riduzione entro il 2040 dell'88%. La legge dovrebbe essere proposta e approvata al Bundestag entro un paio di settimane.

Germania, nuova legge sul clima: neutralità carbonica entro il 2045

La ministra dell'Ambiente tedesca Svenja Schulze ha espresso soddisfazione per il testo di legge passato oggi in gabinetto a Berlino, col quale si rivedono gli obiettivi climatici, anticipando la cosiddetta neutralità carbonica di cinque anni al 2045. «Si sente dire spesso che questa legge inasprisca gli obiettivi sul clima. Vorrei porre la questione al contrario: con questa legge attenuiamo la crisi climatica», ha commentato in conferenza stampa nella capitale. La Schulze ha convenuto che la Germania affronta un compito enorme, sottolineando però di essere fiduciosa che questo si possa realizzare. Il compito di chi governa un paese è quello di porsi «obiettivi ambiziosi e raggiungibili».

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA