Luna, colonizzazione umana vicina: scoperta una grotta lunga 50 chilometri. «Può essere usata come base»

  • 776
Un grande buco nella Luna. O, meglio, una gigantesca grotta sotto la superfice del satellite della Terra. Pronta ad ospitarci. È quella che hanno appena scoperto un gruppo di ricercatori della Purdue University, utilizzando i dati inviati dalla sonda giapponese Selene. Ed è in questa cavità che i primi coloni spaziali potrebbero trovare rifugio.

Da diversi anni si cercano conferme dell'esistenza di queste cosiddette «tane naturali». La stessa Purdue University, alla fine del 2016, aveva pubblicato una analisi di quello che potrebbe nascondersi sotto la superficie: una rete caverne ampie chilometri. Si tratta di antri che si sono formati grazie all'attività vulcanica, quando la lava ha scavato cunicoli sinuosi nel sottosuolo, lasciando ampi spazi vuoti.

È già dimostrato che strutture simili, così grandi, possono esistere nel sistema lunare senza collassare, impossibili sulla Terra. Ma ora sappiamo che persistono sotto la superficie della Luna grazie alla sua bassa gravità. Al loro interno potrebbe trovarsi ghiaccio e acqua intrappolata nelle rocce. In particolare, la grotta appena scoperta è lunga 50 chilometri, larga cento metri e potrebbe essere alta più di mille metri. In pratica: potrebbe contenere un'intera metropoli.
Domenica 22 Ottobre 2017, 15:16 - Ultimo aggiornamento: 22-10-2017 16:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP