Whatsapp, arriva il divieto per i minori di 16 anni.

I minori di 16 anni e residenti in Unione europea potrebbero essere banditi da WhatsApp. Stando a quanto riportato dal sito WaBetaInfo, sarebbe allo studio un sistema per impedire lʼutilizzo della celebre piattaforma di messaggistica a chi non soddisfi il requisito anagrafico.

WhatsApp e Messenger, cambiamento in arrivo: «Vogliamo essere chiari in merito»

Come riportato dal documento ufficiale di utilizzo, teoricamente l'uso di WhatsApp è già limitato, nell'UE, a chi abbia compiuto i 16 anni (fuori dall'Unione europea bastano invece 13 anni).
Un limite che finora è rimasto solo teorico e che potrebbe ora diventare effettivo: nell'ultimo aggiornamento di WhatsApp ci sarebbe infatti traccia di un sistema in via di sviluppo per "bannare" dalla piattaforma tutti coloro che non possiedono i requisiti adatti all'iscrizione.

Non è ancora chiaro come si potrà vietare l'utilizzo della piattaforma. Si vocifera di un possibile incrocio delle informazioni presenti su Facebook e Instagram, visto che in molti casi si potrebbe collegare il numero di cellulare con i dati anagrafici della persona.
Sabato 17 Agosto 2019, 19:54 - Ultimo aggiornamento: 17-08-2019 20:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-08-19 12:46:55
Si dovrebbe vietare l'intera Internet ai minori di 18 anni o volendo essere flessibili ai minori di 16 anni. In Internet c'è pornografia, persone sconosciute, malfattori, persone che bestemmiano, c'è gioco d'azzardo, si possono comprare qualsiasi cosa i soldi dei genitori, c'è tutto quello che è adatto alle persone maggiorenni ma vietate a quelle minorenni. Trovo insensato che Internet si stia trasformando in una piattaforma adatta ai bambini, i bambini devono essere tenuti lontani da Internet o relegati a una sotto rete di internet con contenuti adatti a loro, come i canali televisivi per bambini che sono distinti dai canali a pagamento dove si trova materiale vm 18.
2019-08-18 10:28:41
Dati incrociati tra facebook e Instagram... ormai dati personali completamente “ceduti”. Ma a questo punto si dovrebbero vietare ai minori tutti i social

QUICKMAP