Gabriel Garko rivelazione a Live, Non è la D’Urso: «Non ho fatto coming out per pubblicità. Da stasera addio tv»

Domenica 11 Ottobre 2020 di Eva Carducci

Ingresso trionfale in mascherina negli studi Mediaset, Gabriel Garko è intervenuto durante la trasmissione Live Non è la D’Urso per raccontare ancora una volta del suo coming out, arrivato due settimane fa in diretta a Il Grande Fratello Vip: «Che cosa ho combinato?» spezza il ghiaccio l’attore al centro del polverone mediatico, ospite della trasmissione di Barbara D'Urso proprio nella giornata mondiale del coming out.

Garko racconta il suo coming out

 

 

Grande Fratello Vip, televoto truccato salva Adua Del Vesco? Codacons: «Voti irregolari dalla Spagna»

«Gay che si fingono etero», Vladimir Luxuria svela il retroscena su calciatori, attori e politici

Carolina Morace fa coming out: «Lo faccio per i giovani, amo mia moglie Jane»

 

«C’è chi ha alluso che questo coming out sia stato fatto perché avevo bisogno di popolarità. Allora dico che sono etero» sdrammatizza l’attore per rompere il ghiaccio con la D’Urso: «Barbara per me è un’amica, e ha sempre saputo la verità. E ha sempre mantenuto riservatezza a riguardo».

 

 

 

Molto più rilassato Gabriel Garko può finalmente essere se stesso: «Ero sempre trattenuto e impostato, dovevo mantenere il rigore che mi ero imposto da solo, ora mi sento più tranquillo. Negli ultimi tempi volevo essere più libero. Ma le cose cambieranno davvero nel giorno in cui nessuno dovrà più fare coming out, perché non ci saranno discriminazioni a riguardo. Se dovessimo parlare di tutto quello che la gente fa in camera da letto succederebbe un finimondo». 

 

Video

 

Le cose però potrebbero cambiare nella sua carriera: «Ho ceduto al compromesso, raccontando una menzogna per anni, perché altrimenti non avrei potuto soddisfare il mio sogno nel cassetto. Se continuerò a lavorare negli stessi ruoli di prima allora ci sarò riuscito, nonostante il coming out. Se le cose non cambieranno sarà un altro discorso». 

 

La D’Urso si è poi sincerata sul compagno attuale di Garko: «Gaetano sta bene, anche se a Milano ci hanno beccato i paparazzi. Mi ha destabilizzato l’incontro con i paparazzi a Roma. Lui l’ha presa bene, non gli interessano queste cose, ci sta seguendo in tv adesso».

 

L’attore ha poi affrontato le sfere, ovvero critiche e attacchi da parte di personaggi pubblici, intervenuti in trasmissione. Il primo attacco è stato sferrato da Platinette:  «Non apprezzo la serialità delle sue dichiarazioni. Molti anni fa abbiamo avuto una telefonata su una sua prestazione lavorativa, di cui avevo ben parlato in un mio articolo. Mi ha ringraziato per non averla identificata, come gli altri, uno sciupafemmine. Come poteva non dirlo che eterosessuale non è, visto che non c’è nulla di male? La vedo poi fare quella dichiarazione ben recitata, poi dalla Toffanin a Verissimo, e ora qui, terza puntata. Quanto andrà avanti questo outing? Chi ha una necessità urgente di raccontare la sua vita non lo fa a rate. Sta diventando un po’ troppo televisivo» la risposta secca di Garko: «Non l’ho fatto per pubblicità. Da stasera non mi vedrete più in televisione. Avevo una necessità mia di dirlo, sono andata al GF per bloccare la manfrina portata avanti da Adua». 

 

Risposta spedita anche quando Garko viene accusato di aver preso in giro tante ragazze, che avevano i suoi poster in camera: «Non sarei arrivato ai poster appesi in camera se non lo avessi fatto. Non a fine anni ’80. È vero ho giocato a interpretare ruoli, ma a questo punto va denunciato anche Spielberg che ha fatto vedere i dinosauri. Non preso in giro le mie fans, questo è cinema. Se continuerò a recitare negli stessi ruoli allora avrò, forse, rotto un sistema. E quanto ero riservato prima vorrei continuare a esserlo».

 

Gabriel Garko ha poi messo in chiaro il rapporto con le due ex storiche:  «Eva Grimaldi e io eravamo d’accordo, abbiamo vissuto insieme per otto anni, abbiamo avuto un rapporto diverso. Io e Adua neanche ci vedevamo, c’erano solo le copertine, ed eravamo d’accordo così. Esistono tutt’oggi i matrimoni finti tra milionari. È tutto finto per il sistema, e perché il sistema funzioni. Un sistema che nega la libertà, ma prima non potevo fare diversamente, ho iniziato a lavorare a sedici anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA