Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gf Vip, Lulù Selassiè vittima di reverenge porn: «Io ricattata a 15 anni, è stato un incubo»

Martedì 8 Marzo 2022
Gf Vip, le fragilità di Lulù Selassiè: «A scuola mi prendevano in giro con frasi razziste» Foto: per gentile concessione dell ufficio stampa Endemol Shine Italy

Torna protagonista Lulù Selassiè al Gf Vip. Ma stavolta non per discussioni con gli altri vipponi ma per la sua storia. Stasera la fidanzata di Manuel Bortuzzo si racconta attraverso la sua linea della vita. Vittima di razzismo e di stalking ecco cosa ha patito la principessa. «Non volevo mai andare a scuola, non mi trovavo bene. Quindi, ero un po’ esclusa. Purtroppo a scuola questo bambino mi disse una parola che io non conoscevo neanche. Da lì cominciai a vedermi in maniera diversa rispetto agli altri bambini. Iniziarono le mie insicurezze, tante paure». Lulù non riusciva ad avere amiche. «Nessuno mi chiamava. Ero io che dovevo invitare. Era una questione di razzismo. C’erano momenti che mi trattavano bene, ma quando c’era da frequentarmi non mi includevano mai».

Gf Vip, Lulù fuori controllo: «Jessica vergognati». Sonia Bruganelli "salta" dalla poltrona: «Basta difenderla! Questo è delirio»

Gf Vip, le fragilità di Lulù Selassiè

Ma ora no ha più voglia di tacere: «Ho trovato la forza di rispondere, non sto più zitta. Non si può stare sempre silenzio e di lasciare che le persone ti trattino come non meriti». La princess ha raccontato come viveva quel disagio: «La mattina era un incubo per me, perché non volevo andare a scuola, volevo stare con mia mamma. Già in macchina piangevo disperatamente, non volevo entrare a scuola. Mi sono sentita diversa quando un bambino mi chiamò neg*a».

Gf Vip, Lulù colpita (per sbaglio) da Soleil: «Esce sangue. Giovedì non potrò essere in puntata»

Lo stalking

Ma non solo la scuola è il problema per la principessa: «Vado a Londra e inizia un incubo: ho vissuto stalking, ricatti. Questo ragazzo con delle mie foto mi ricattava. La mattina mi svegliavo con 80/90 messaggi di questa persona, ho vissuto un incubo che non sapevo come avrebbe avuto fine. Ne ho parlato a Jessica ma non riuscivo a dirlo a mia mamma a quel punto le scrissi un messaggio lunghissimo per dirglielo e lei iniziò a piangere, dicendo ‘che madre sono stata che non mi sono accorta della tua sofferenza?»

Oltre al razzismo fu vittima di stalking a 15 anni anche Lulù. In quel periodo mentre viveva a Londra la principessa è stata ricattata per delle foto intime. Dopo aver provato ad affrontare la situazione da sola, Lulù ha trovato un aiuto prima nella sorella Jessica e, successivamente nella madre.

«Avevo 15 anni, era il mio segreto. Per sei mesi non sapevo a chi chiedere aiuto, ero terrorizzata. Un folle pericoloso. Avevo un pazzo che mi ricattava con delle mie foto intime. Mia mamma ha sofferto molto per questa cosa», ha aggiunto. 

La reazione di Manuel

Prova a nascondere la sua fragilità la finalista del reality condotto da Alfosno Signorini, dietro un carattere allegro e spensierato ma le sue debolezze escono nei momenti di confronto e tutto parte dalle scuole elementari. 

Ma oggi c'è Manuel che dallo studio è pronto a darle forza: «Io per il passato non posso farci nulla ma sono pronto a regalarti un presente bellissimo»

Ultimo aggiornamento: 01:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA