Sanremo 2020, Leo Gassmann vince tra i giovani e papà Alessandro esulta: «Daje Pippo»

Venerdì 7 Febbraio 2020
Sanremo 2020, Leo Gassmann vince tra i giovani e papà Alessandro esulta: «Daje Pippo»

Leo Gassmann si aggiudica la vittoria nella categoria "Nuove Proposte" del Festival di Sanremo con il 52,5% delle preferenze. Il ventunenne ha vinto il prestigioso premio con la canzone "Vai bene così", superando Fasma in semifinale e Tecla in finale. Alessandro Gassmann, il papà di Leo, ha esultato con un video su Twitter: «Come da tradizione di famiglia voglio mantenere un certo aplomb e voglio ringraziare tutti quelli che hanno votato mio figlio». Subito dopo, però, l'attore scoppia in un urlo liberatorio al suono di «daje Pippo!».

LEGGI ANCHE Sanremo, Fiorello bacia Tiziano Ferro: «C'è del bacismo». Il cantante: «Scusa Victor»
LEGGI ANCHE Sanremo 2020, gaffe su Instagram: annunciata la vittoria di Tecla nelle "Nuove Proposte" prima della finale
 


Chi è Leo Gassman? Figlio di Alessandro Gassmann e dell’attrice Sabrina Knaflitz,  nasce a Roma il 22 novembre 1998. A 9 anni entra all'Accademia di Santa Cecilia e studia chitarra classica e solfeggio per 5 anni. Conclusi gli studi classici, decide di cambiare e mettersi a studiare canto. A 14 anni vince un concorso canoro e a 19 ottiene un posto tra i 12 concorrenti di X Factor 12, arrivando in semifinale. A dicembre passa le selezioni di Sanremo Giovani con il brano "Vai Bene Così". Il testo invita ad accettare i propri fallimenti. Il giovane cantautore l'ha scritta dopo aver vissuto una serie di delusioni. «Dentro c'è tutto quello che avrei voluto sentirmi dire in quei momenti. Dobbiamo imparare che la vera sconfitta non è cadere, chiedere scusa e ripartire, ma l'ossessione della vittoria».

LEGGI ANCHE Antonella Clerici "woman in red" ironizza sulle gaffe di Amadeus: «Più sono, meglio è»
LEGGI ANCHE Si chiama Amadeus e vive in America, il suo profilo Twitter travolto dalle notifiche: «Che succede in Italia?»

Questo brano parla della necessità di accettarsi per ciò che si è e del fatto che sbagliare è umano ma non bisogna mai arrendersi anche quando il mondo intorno sembra crollare. Solo in questo modo le persone che hanno perso le speranze possono colmare quel vuoto che gli impedisce di apprezzare tutto quanto di bello la vita è in grado di offrire. «Vai Bene Così» termina con la parola «asimbonanga», espressione zulu che significa «non lo abbiamo visto», e che dà il titolo ad una canzone di Johnny Clegg dedicata a Nelson Mandela, simbolo della lotta per la libertà e dell'accettazione del diverso.
 

 

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 15:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA