Bidella muore di Covid a Perugia, denunciata la preside: s'indaga per omicidio colposo

Sabato 12 Giugno 2021 di Egle Priolo
Bidella muore di Covid a Perugia, denunciata la preside: s'indaga per omicidio colposo

Si chiamava Katya Zengarini, aveva 53 anni e faceva la bidella, il 4 maggio l’ha uccisa il Covid e il suo caso risuonerà a lungo nelle aule giudiziarie. Senza credere alla fatalità, la sua famiglia ha denunciato la preside dell'istituto dove lavorava, la scuola dell’Infanzia “Mameli-Magnini“ di Pontenuovo di Deruta, a Perugia. Una denuncia presentata alla procura di Spoleto in cui si ricostruisce nei particolari la vicenda e nella quale si ipotizza l’omicidio colposo per il mancato rispetto dei protocolli ministeriali

Astrazeneca, grave ragazza dopo prima dose a Genova: operata, è in rianimazione per trombosi. Toti: «Preghiamo per lei»


Più che dal contagio della bidella, la vicenda comincia il 22 marzo dalla scoperta della positività di un’insegnante della sezione B della scuola. Secondo le denuncia, la preside prese un provvedimento di chiusura solo nei confronti della sezione B in cui è era verificato il caso, ma alcuna iniziativa venne presa per proteggere il personale Ata, tra cui la bidella Katya Zengarini. Lei e una sua collega continuarono a lavorare sanificando anche le aule in cui aveva operato l’insegnante contagiata. Ma secondo il protocollo ministeriale, la preside avrebbe dovuto tutelare le operazioni delle bidelle programmando la quarantena del personale. 

Covid, muore Sara, mamma di 37 anni, lascia una bimba di 2 anni


Da quel 22 marzo, passano due giorni e anche la bidella accusa dei sintomi che ricordano quelli del Covid, ma il test rapido non segnala alcun problema perché risulta negativo. Senza predisporre altre misure di sicurezza, la preside continua a far lavorare la bidella all’interno delle aule. Tre giorni dopo la donna viene sottoposta a un altro test che, questa volta, risulta positivo. La preside decide di chiudere anche altre sezioni della scuola, ma è troppo tardi, vengono registrati altri contagi. Il due aprile, Katya Zengarini viene ricoverata all’ospedale Silvestrini. Le sue condizioni appaiono subito critiche. Si arriva anche a praticarle una tracheotomia, ma è tutto inutile. La bidella muore il 4 maggio. E ora l’inchiesta della procura di Spoleto dovrà rendere giustizia alla sua scomparsa. 

 

Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA