Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, curva in discesa ma torna la pressione sugli ospedali

Venerdì 1 Aprile 2022 di Fabio Nucci
Diminuiscono i casi di Covid in Umbria

 In chiaro scuro gli indicatori epidemici in Umbria. A fronte di una progressiva riduzione dei nuovi casi, prosegue la risalita di ricoveri e morti.
Nell’ultimo bollettino, segnalati 4 decessi, 23 nell’ultima settimana, raddoppiati rispetto alla precedente. Prosegue da tre settimane invece la crescita dei pazienti ordinari, con altri 5 ingressi in area medica dove ora si contano 229 assistiti, col tasso di occupazione salito al 35%. Continua a crescere la quota di degenti trovati positivi dopo un ricovero per motivi non Covid, ieri saliti a 35, mentre in tre casi sono gestanti o neonati. Nell’ultima giornata, registrato anche un ingresso in terapia intensiva dove ieri mattina risultavano 4 degenti critici con la saturazione risalita al 3,1%. Quanto ai contagi, tra mercoledì e giovedì mattina 1.517 nuovi casi scoperti su 10.062 tamponi, 15 su 100 risultati quindi positivi. Indicatore che si sta abbassando, come dimostra la media mobile settimanale scesa al 16% dopo che a metà mese aveva sfiorato il 20%. In calo l’incidenza portatasi a 1.300 casi per 100mila abitanti, mentre la media mobile è ora pari a 1.607.

Trend confermato nel monitoraggio della Fondazione Gimbe: tra il 23 e il 29 marzo i nuovi casi sono scesi del 16%. Sono invece 19.204 gli attualmente positivi (-255) grazie al trend crescente dei guariti, 1.768 nell’ultima giornata. Quanto alla vaccinazione, all’84,9% i residenti con ciclo primario completo, ma il dato resta molto basso tra i giovanissimi: al 34% nella fascia 5-11 anni. Al 12,6%, invece, la somministrazione del secondo booster tra gli ultra fragili. In genere tutti i dati sono superiori a quelli nazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA