Tutta Foligno si stringe a Spinazzola: «Forza Leo»

Domenica 4 Luglio 2021 di Simone Lini
Leonardo Spinazzola dopo l'infortunio

FOLIGNO -«Tornerò presto!». L’auspicio e l’augurio a sé stesso di Leonardo Spinazzola dopo il grave infortunio nel corso del quarto di finale vinto dall’Italia contro il Belgio. Novanta minuti che per i folignati, e non solo, tifosi di Spinazzola hanno alternato speranze, gioie, paure e delusione. Un’altalena di sentimenti che ha trovato nei social lo specchio fedele minuto per minuto. Fino alle lacrime di Spinazzola all’uscita dal campo all’ottantesimo e poi la diagnosi di sospetta rottura del tendine di Achille. Che nei casi più gravi può significare uno stop di diversi mesi. Infortunio subito proprio nel giorno dell’arrivo a Roma di Josè Mourinho, prossimo allenatore di Spinazzola. Pensare che il quarto di finale tra Italia e Belgio era cominciato nel modo migliore per Leonardo Spinazzola. Qualche corsa in meno sulla fascia, lui che è stato eletto dalla Uefa giocatore più veloce dell’Europeo. Ma un salvataggio decisivo su Lukaku e un tiro che ha sfiorato di poco il gol. Magari potevano essere sufficienti per venire eletto per la terza volta miglior giocatore della partita. I social iniziano a riempirsi di messaggi, il senso, più o meno, uno solo: “Spinazzola orgoglio di Foligno”. Invece a dieci minuti dalla fine quella corsa che si interrompe, la richiesta di cambio e l’uscita in barella tra le lacrime. Da una parte la festa per la vittoria, dall’altra la rabbia per l’infortunio di tutto l’ambiente Azzurro. “Dispiace molto, non se lo meritava” le parole di Roberto Mancini, che già lasciano intendere come non solo l’Europeo di Spinazzola sia finito, ma il problema possa essere davvero serio. Gli Azzurri gli dedicano il passaggio del turno e sull’aereo del ritorno i cori sono tutti per lui. Il tono è subito diverso anche sui social. C’è chi sceglie l’immagine di Spinazzola per il profilo. Gli auguri e gli incitamenti a non mollare arrivano un po' da tutti a Foligno. «Forza Leo siamo tutti con te» si legge sul gruppo Facebook «Segnalazioni Foligno». E ancora: «Grande carattere! Grande professionista! Forza ritornerai presto alla grande! Ti aspettiamo tutti!»; «Foligno è orgogliosa di te! Daje tutta Leo!»; «Hai salvato l'Italia da un gol certo, stavi facendo un'altra impresa, la semifinale è anche tuo merito, la sfortuna si è accanita, ma grande Leonardo». Un “Forza Leo” arriva dalla Roma. Un “Gli Azzurri abbracciano Spinazzola. Torna presto Leo” con il video dell’esterno folignate in stampelle a Coverciano tra i compagni di squadra è apparso sul profilo della Nazionale Italiana. Un abbraccio che ha unito Foligno con le squadre nelle quali Spinazzola ha giocato. Come il Perugia, che ha scritto “Forza Leo”. Poi Karsdorp, Acerbi, Toloi, Vieri, Bernardeschi, Florenzi, Bonucci, Toni, Berardi, Di Lorenzo, Verratti, Chiellini. All’abbraccio di Foligno si è aggiunto anche il sindaco Stefano Zuccarini. “Siamo addolorati per quanto accaduto al nostro Spinazzola, la Nazionale perde una delle sue colonne portanti” sono state le parole del primo cittadino. Spinazzola non ha mai spezzato il legame con Foligno. Tanto di decidere di sposarsi in città . “Appena ci sarà l'opportunità, mi metterò in contatto con il giocatore per esprimergli gratitudine per quanto fatto fino a questo punto del torneo e per augurargli una veloce guarigione. Tornerà più forte di prima.” ha concluso Zuccarini. Commoventi ed affettuose le parole che su Instagram ha utilizzato la moglie di Spinazzola, Miriam Sette, sotto un’immagine del figlio con la maglia numero quattro della nazionale che indica il papà. “Quante volte l’hai sognato, immaginato questo europeo, nessuno lo sa, ma oggi il treno per te si ferma qui, il famoso treno guidato da te, si è fermato. Ci hai fatto vivere 20 giorni meravigliosi ed indimenticabili, chi ti conosce sa quanto vali e in questi giorni lo hai dimostrato a tutta l’Europa. Ora ti aspetta un’altra battaglia, ma ci sei già passato, sei forte, la supererai a testa alta con cuore e grinta, ed il sorriso, il tuo magnifico sorriso che nonostante la vita ti stia mettendo un po’ troppo spesso a dura prova, mai niente e nessuno te lo leverà dal viso, Mai! L’ultima cosa ma che è la più importante: hai reso tutti orgogliosi ma soprattutto nostro figlio Mattia di soli 3 anni è fiero ed orgoglioso del suo papà dall’inizio alla fine”. Un post che in poche ore ha ottenuto diverse migliaia di like. Un’ondata di affetto alla quale Spinazzola ha voluto rispondere: “Purtroppo sappiamo tutti come è andata ma il nostro sogno azzurro continua e con questo grande gruppo nulla è impossibile. Io vi posso solo dire che torneró presto! Ne sono sicuro”. In pochi minuti sono stati 350mila i mi piace.

© RIPRODUZIONE RISERVATA