«Porta via il tuo cane dalla spiaggia». Ma lei è non vedente. La storia di Serenella, perugina aggredita al mare

Il labrador Stella in una foto postata su Facebook da Serenella
Il labrador Stella in una foto postata su Facebook da Serenella
di Egle Priolo
Mercoledì 23 Agosto 2023, 08:09
2 Minuti di Lettura

PERUGIA - Serenella è in vacanza: ferie in Liguria dal suo lavoro all'università. Serenella è non vedente, ha un marito, una vita piena, un bel carattere deciso e pure un cane. Un bellissimo labrador nero che ha chiamato Stella, probabilmente perché da cane guida è chi le indica la strada in mezzo a un mare di buio. Ma purtroppo proprio al mare, e di giorno, Serenella – molto conosciuta in città – ha vissuto un bruttissimo episodio dettato, non ci sono altre parole, da inciviltà e ignoranza.

È lei stessa a raccontarlo e denunciarlo su Facebook: si presenta come «signora non vedente» e spiega di essere a Portovenere proprio con Stella. «Ci eravamo recati sulla riva e mi stavo bagnando i piedi, con il mio cane a fianco, e per legge sa perfettamente che lo posso fare» sottolinea con vigore, quando «due signore mi hanno continuato ad ossessionare, continuando ad insistere che è vietato l’accesso ai cani, che il cane non può stare né in spiaggia, né sulla riva». Alle lamentele delle due donne, a cui non possono essere sfuggiti gli occhiali scuri indossati da Serenella e soprattutto la pettorina di Stella che la identifica come cane guida, la perugina ha provato a replicare «molto cortesemente». E invece, secondo il suo racconto, le due «continuavano a tormentarmi, quindi ho avvisato i carabinieri». Sulla spiaggia sono arrivati gli agenti della polizia locale che hanno riportato la calma e a Serenella sono arrivate anche le scuse del sindaco di Portovenere Francesca Sturlese, che ha parlato di «atteggiamento deplorevole», sperando che quell'aggressione verbale a una non vedente sia stato solo conseguenza di un errore e di un'incomprensione. Scuse pubbliche arrivate – va detto – dopo il coro di indignazione in diretta degli altri bagnanti, scioccati dalla reazione delle due donne contrarie alla presenza di animali in spiaggia. «Vorrei far presente ancora una volta – ha spiegato Serenella - che le persone, oltre ad essere molto ignoranti, perseverano, con arroganza, nella loro disinformazione. Ed è a mio parere terribile, è molto demoralizzante, che ci possa essere questa forma di ignoranza, di inciviltà, nel 2023. E io non lo tollero. E denuncio la situazione».
Il racconto della perugina dalle spiagge liguri ha chiaramente trovato immediata solidarietà di amici e utenti, che lei stessa ha voluto ricordare: «Ringrazio tutti per il grande sostegno. È molto bello e gratificante sapere che c’è sempre l’approvazione di molte persone, che vogliono andare avanti, combattere le ingiustizie e la stoltezza umana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA