Becciu su Papa Francesco in chat: «Vuole la mia morte». Il caso della telefonata durante il ricovero

Papa Francesco e il cardinale Angelo Becciu
Papa Francesco e il cardinale Angelo Becciu
Venerdì 25 Novembre 2022, 10:40 - Ultimo agg. 18:14
6 Minuti di Lettura

Papa Francesco «Vuole la mia morte», «non pensavo arrivasse a questo punto»: così il cardinale Giovanni Angelo Becciu, imputato in Vaticano in un processo per la compravendita di un palazzo al centro di Londra e più complessivamente per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, parla del Papa in una chat con amici e famigliari.

Becciu, i contenuti delle chat in udienza

L'esistenza e i contenuti delle chat - visionate dall'Adnkronos - sono stati resi noti nel corso dell'udienza di mercoledì da parte del Promotore di Giustizia vaticano e sono il frutto di una indagine svolta dalla Guardia di finanza di Oristano, su rogatoria del Vaticano. «Non pensavo arrivasse a questo punto: vuole la mia morte», scrive Becciu in un messaggio alla parente Giovanna Pani il 22 luglio dello scorso anno, due giorni prima che, con l'aiuto della figlia di questa e nipote di Becciu, Maria Luisa Zambrano, registrasse un telefonata con Papa Francesco, la novità emersa nel corso dell'udienza di ieri in Vaticano. Nella chat la donna lo invita ad avere coraggio, «vedrai che la verità trionferà».

Becciu e Papa Francesco, la registrazione della telefonata al Pontefice sofferente prima del ricovero: ecco l'audio

E lui: «Per ora sono loro a trionfare e trafiggerci!», «Ma la vittoria sarà degli onesti». Pani, di nuovo, scrive a Becciu: «È cattivo, vuole la tua fine», riferendosi a «su Mannu», che in sardo significa «il maggiore» e dunque riferibile al Papa. Il cardinale risponde: «Non vuole fare brutta figura per la condanna iniziale che mi ha dato». E ancora: «Mai avrei immaginato (che) non un Papa ma (che) un uomo arrivasse a tanto». Pani allora gli risponde: «È un grande vigliacco, ma tu combatti e fai risplendere la verità, è dura lo so, coraggio vinceremo in pieno», «c'è del marcio in Vaticano». 

Becciu indagato, cosa è successo

In un filone d'indagine aperto dal promotore di giustizia vaticano parallelamente al processo sulla gestione dei fondi della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu risulta indagato con altre persone per associazione a delinquere. Lo ha confermato ieri il promotore di giustizia Alessandro Diddi, che, in apertura della 37/a udienza del processo, ha riferito dell'esito della rogatoria per l'ipotesi di reato associativo, nell'ambito della quale il Tribunale di Sassari ha trasmesso in Vaticano i risultati degli accertamenti condotti sulla Cooperativa Spes di Ozieri, guidata dal fratello di Becciu, Antonino.

 

Interpellati dai cronisti, sia il card. Becciu che i suoi difensori avv. Fabio Viglione e Maria Concetta Marzo, hanno detto di non sapere nulla di questo ulteriore fascicolo. Pur trattandosi di un'indagine parallela, comunque il pg Diddi ha deciso di depositare le risultanze agli atti dell'attuale processo, ritenendole rilevanti. La documentazione trasmessa dal Tribunale di Sassari in Vaticano tramite chiavetta contiene «una selezione degli atti trasmessi a questo Ufficio», e in particolare annotazioni della Guardia di Finanza di Oristano e una serie di estratti di chat provenienti dai dispositivi telefonici sequestrati a Maria Luisa Zambrano, nipote del cardinale, e al fratello di Becciu. «Ritengo i documenti ricevuti particolarmente rilevanti», ha detto Diddi nel corso dell'udienza. Tra le altre cose ci sono anche «considerazioni su questo Ufficio e sullo stesso Tribunale», come pure considerazioni su giornalisti che secondo gli inquirenti «avrebbero partecipato a una campagna di stampa contro questo processo».

Si parla anche di monsignor Sergio Pintor, morto due anni fa, «che era vescovo di Ozieri quando fu aperto il conto utilizzato dalla Cooperativa Spes», e dei suoi legami «con persone di questo processo». Emersi poi i documenti di trasporto (bolle di consegna« del pane della Coop Spes alle parrocchie) - esattamente 928 documenti di trasporto - che sarebbero serviti »a giustificare le somme erogate dalla diocesi alla Spes«. Diddi ha riferito di una vera e propria falsificazione delle bolle di consegna per 18 mila kg di pane, documenti che secondo la ricostruzione della Gdf sarebbero stati realizzati poche settimane prima dell'inizio dell'attuale processo, ma riguardanti consegne di pane risalenti al 2018. A quanto ha spiegato il pg vaticano, le Fiamme Gialle »sono andate parrocchia per parrocchia a cercare i destinatari del pane e nessuno ha riconosciuto la propria firma sui documenti di trasporto«. Per quanto riguarda i rapporti tra l'allora vescovo Pintor e la famiglia Becciu, Diddi ha parlato di »pesanti ingerenze della Curia romana sull'attività della diocesi«. »Pintor non aveva alcun controllo della Caritas - ha riferito Diddi su quanto emerso dalla rogatoria -: la diocesi e la Caritas erano gestite in sostanza dalla famiglia Becciu. La Procura di Sassari è arrivata alle nostre stesse conclusioni«. Inoltre, riguardo al cosiddetto 'conto promiscuò utilizzato dalla Spes, »mons. Pintor nulla sapeva della sua apertura«. E nelle chat emerge che »si cercava un direttore di banca che certificasse che fosse stato mons. Pintor l'autore dell'apertura del conto, che invece non conosceva«. Altre risultanze, quella sui rapporti »cordiali, amichevoli«, di Giovanna Pani, tra i familiari di Becciu, e Cecilia Marogna.

Becciu e la telefonata al Papa

Dalla relazione della Gdf di Oristano, infine, secondo Diddi emerge un »fatto inquietante«, il ritrovamento della registrazione di una telefonata tra il card. Becciu e papa Francesco il 24 luglio 2021, tre giorni prima dell'apertura del processo in Vaticano e una decina di giorni dopo l'uscita del Papa dal Gemelli dopo il suo intervento chirurgico al colon. »In Piazza del Sant'Uffizio sono presenti, oltre a Becciu, la Zambrano e una terza persona non identificata«. Dalla registrazione, fatta col telefono della Zambrano e fatta sentire in aula ma a porte chiuse, si ascolta Becciu lamentarsi col Papa, »Lei mi ha già condannato, è inutile che faccia il processo!«. Il porporato parla anche dei soldi versati su indicazione di Cecilia Marogna all'agenzia britannica Inkerman per la liberazione della suora colombiana rapita da gruppi jihadisti in Mali. »Per il riscatto - ha riferito il pg Diddi - Becciu chiede al Papa di confermargli che c'era stata la sua autorizzazione a versare i soldi alla Inkerman. Nelle sue dichiarazioni, il cardinale ha detto che il Papa era al corrente, invece nella telefonata il Santo Padre resta perplesso. D'altra parte era da poco uscito dal suo ricovero, era affaticato«. Il resto dell'udienza è stato dedicato oggi all'interrogatorio del testimone d'accusa mons. Alberto Perlasca, ex capo dell'Ufficio amministrativo nonché parte civile nel processo, testimonianza che continuerà domani con l'esame da parte delle difese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA