Abusi, in Vaticano del caso Rupnik non se ne parla ma altrove si decide se smantellare le opere sacre del sacerdote nelle chiese

padre Marko Rupnik con uno dei suoi bozzetti
padre Marko Rupnik con uno dei suoi bozzetti
di Franca Giansoldati
Mercoledì 30 Agosto 2023, 17:34 - Ultimo agg. 21 Febbraio, 17:17
3 Minuti di Lettura

Nonostante in Vaticano nessuno stia smaniando di andare a fondo per risolvere definitivamente il caso Rupnik, altrove è destinato a non eclissarsi. Difficilmente, infatti, la brutta vicenda dell'ex gesuita abusatore seriale di religiose finirà nel dimenticatoio o sotto un tappeto. Tutta colpa dei mosaici artistici a sfondo religioso, raffiguranti Gesù, i discepoli o altre figure bibliche, realizzati da padre Rupnik nel corso della sua lunga vita artistica all'interno dei santuari più importanti del mondo. Possono coesistere in luoghi spirituali quelle immagini sapendo che chi le ha ideate ha seminato tanto dolore, fino ad essere scomunicato nel 2019? L'interrogativo non è secondario ed è finito al centro di una commissione nel santuario di Lourdes, dove sono presenti i mosaici del sacerdote Rupnik (recentemente espulso dalla Compagnia di Gesù ma ancora prete e dal Vaticano mai ridotto allo stato laicale). In questo periodo si è attivata una commissione istituita proprio per valutare se distruggerli o meno. Un gruppo di lavoro di diverse persone, guidato dal rettore e comprendente anche un magistrato prenderanno una decisione entro la fine dell'anno.

Abusi, padre Rupnik è ormai una patata bollente (anche per il Vaticano) e i gesuiti lo cacciano via

Erano stati inaugurati nel 2008 in occasione del 150esimo anniversario delle apparizioni mariane.

Quei grandi mosaici erano stati voluti da Wojtyla nel santuario francese, ma ora potrebbero avere i giorni contati. «Abbiamo voluto nella commissione anche vittime di abusi sessuali, visto che l'autore di queste opere è accusato di aggressioni e abusi spirituali» ha affermato il vescovo Jean-Marc Micas. Al momento non è stato deciso nulla e nulla trapela, le consultazioni andranno avanti e a fine anno uscirà il verdetto che potrebbe essere orientato a smantellare totalmente le opere considerando la valenza simbolica del santuario di Lourdes.

Lo choc dei gesuiti: «Padre Rupnik ha abusato di altre suore» ma tacciono su chi gli tolse la scomunica nel 2020


Stessa cosa sta accadendo nella diocesi di Losanna, dove è stato avviato un percorso simile per valutare quale sarà il destino delle opere del sacerdote artista. I mosaici dello Chemin de Joie di Ginevra, realizzati dall'ex gesuita, costituiscono un percorso di 13 tavole musive installate sulle facciate di chiese e altri luoghi in tutto il cantone di Losanna e realizzate da artisti del centro Encanada in Perù e del Centro Aletti di Roma, dove Marko Ivan Rupnik è stato direttore per molti anni.

Appello dei Gesuiti alle donne abusate da padre Rupnik: «Inviateci le vostre denunce», non si ferma il terremoto in Vaticano

Una cosa analoga riguarda il Santuario di Nostra Signora Aparecida, uno dei luoghi mariani più amati in Brasile. Lì, invece, è stato bloccato il lavoro musivo di Rupnik dopo la Compagnia di Gesù lo ha espulso alcuni mesi fa.

Nonostante in Vaticano e in Vicariato ci siano importanti opere finora nessuno sembra abbia mai avuto l'intenzione di sollevare questioni simili, sperando che prima o poi tutto finisca nel dimenticatoio e il caso Rupnik si avvii verso l'oblio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA