Papa Francesco: «Ho un'infiammazione ai polmoni, non posso affacciarmi». Angelus in collegamento da Santa Marta

L'Angelus di oggi da una "location" particolare

Papa Francesco si collega da Santa Marta, al suo posto legge l'Angelus il ghostwriter Braida
Papa Francesco si collega da Santa Marta, al suo posto legge l'Angelus il ghostwriter Braida
Franca Giansoldatidi Franca Giansoldati
Domenica 26 Novembre 2023, 12:47 - Ultimo agg. 14:33
3 Minuti di Lettura

«Francesco come Pietro, coraggio!». In piazza un grande cartello viene issato sulla testa di migliaia di persone che stavolta hanno gli occhi incollati non tanto sulla finestra del Palazzo Apostolico, come avviene solitamente la domenica, ma sui due maxischermi che trasmettono l'Angelus dalla cappella interna dell'hotel Santa Marta. E' da lì che l'86nne pontefice, affetto da una brutta coda influenzale, tiene la solita preghiera mariana e la riflessione sul Vangelo della giornata. 

 

«Oggi non posso affacciarmi dalla finestra perche ho questo problema di infiammazione ai polmoni, e a leggere la riflessione sarà monsignor Paolo Braida, perche e lui che le scrive e le fa molto bene».

Ha una voce un po' roca, ogni tanto è scosso da qualche colpo di tosse e sul dorso della mano destra ha il cerotto con l'ago che gli consente, evidentemente, la somministrazione attraverso la flebo degli antibiotici. Il suo viso è un po' pallido ma sorride; ha lo sguardo vigile e non gli sfugge nulla, al punto che ad un tratto, sottolinea con l'indice un passaggio che Braida sta leggendo al suo posto. 

I rabbini d'Italia criticano Papa Francesco per non avere mai denunciato pubblicamente il terrorismo di Hamas

La tv vaticana evita di fare primi piani al Papa e distoglie subito l'inquadratura quando sta per tossire. Fuori, sulla piazza, la folla segue attenta, radunata attorno all'obelisco dove è appena stato issato il gigantesco abete di Natale proveniente dal Piemonte. 

«Confido nel "soft power" del Papa per liberare mia cugina Karina», i familiari degli ostaggi israeliani in Vaticano

Braida esegue la lettura e anche il post Angelus, riguardante i temi della pace in Ucraina e in Israele. «Oggi ringraziamo per la tregua e perchè sono stati liberati alcuni ostaggi. Preghiamo che lo siano presto tutti e che entrino a Gaza più aiuti umanitari e si insista nel dialogo, unica via per avere la pace. Chi non vuole dialogare non vuole la pace» dice Braida, prestando la propria voce a quella del Papa. Subito dopo sottolinea il conflitto ucraino rammentando l'anniversario dell'Holodomor, il genocidio che sotto Stalin causò due milioni di morti ucraini per fame: «una lacerante ferita resa ancora più dolorosa» dai fatti odierni. Una pagina storica che ancora oggi la Russia nega.

Il lamento di Papa Francesco: «Pace in Ucraina e Terra Santa», a Kiev si chiedono che fine abbia fatto la missione per i bambini

Infine il Papa lancia un appello per la Cop28 e l'emergenza climatica, annunciando che la prossima settimana sarà negli Emirati Arabi.  «A tutti auguro buona domenica, buon pranzo e non dimenticate di pregare per me».

Ucraina, Papa Francesco denuncia il «genocidio» di Stalin: scatenò la carestia che fece morire milioni di ucraini di fame

© RIPRODUZIONE RISERVATA