Papa Francesco: il Padre Nostro insegna ai cristiani positività, coraggio, speranza

Mercoledì 20 Marzo 2019
Città del Vaticano - Il Padre Nostro, la preghiera che Gesù ha insegnato ai suoi discepoli, insegna ai cristiani la via del coraggio, della positività, della forza di sopportare le tempeste della vita. Papa Francesco all'udienza generale del mercoledì commenta i significati e i simboli che sono racchiusi in quella invocazione. «Dio non è ambiguo, non si nasconde dietro ad enigmi, non ha pianificato l’avvenire del mondo in maniera indecifrabile. No, Lui è chiaro. Se non comprendiamo questo, rischiamo di non capire il senso della terza espressione del Padre nostro. Infatti, la Bibbia è piena di espressioni che ci raccontano la volontà positiva di Dio nei confronti del mondo».

«Dire - ha aggiunto il Papa - 'Sia fatta la tua volontà' presuppone la fede in un Dio che si prende cura dell’uomo e del mondo. Dio si è messo per primo in cerca dell’uomo, afferma il Papa, come dimostra l’episodio evangelico di Zaccheo a cui Gesù (…) E' una preghiera coraggiosa, anche combattiva - ha proseguito Francesco -  perché nel mondo ci sono tante, troppe realtà che non sono secondo il piano di Dio. Tutti le conosciamo. Parafrasando il profeta Isaia, potremmo dire: “Qui, Padre, c’è la guerra, la prevaricazione, lo sfruttamento; ma sappiamo che Tu vuoi il nostro bene, perciò ti supplichiamo: sia fatta la tua volontà! Signore, sovverti i piani del mondo, trasforma le spade in aratri e le lance in falci; che nessuno si eserciti più nell’arte della guerra! Dio vuole la pace». © RIPRODUZIONE RISERVATA