Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Vaticano vende il palazzo di Londra al centro dell'inchiesta, il FT rivela: vendita (in perdita) alle fasi finali

Lunedì 8 Novembre 2021 di Franca Giansoldati
Il Vaticano vende il palazzo di Londra al centro dell'inchiesta, il FT rivela: vendita (in perdita) alle fasi finali

Città del Vaticano – Il Financial Times oggi scrive che la Santa Sede sta per vendere il famoso palazzo di Sloan Avenue, a Londra, al centro di un processo in Vaticano e una inchiesta in Gran Bretagna che vede imputate dieci persone tra cui il cardinale Angelo Becciu, i finanzieri Raffaele Mincione e Gianluigi Torzi e diversi funzionari della Segreteria di Stato. Il quotidiano della city informa che allo stato attuale, se si concludesse la vendita, il Papa subirà una perdita di 100 milioni di sterline (un po' meno di 120 milioni di euro). 

La cessione dell'edificio situato nel quartiere di Knightsbridge, sarebbe alle fasi finali, sottolinea il quotidiano economico britannico, per una somma pari a circa 200 milioni di sterline al gruppo di private equity Bain Capital. Aia Bain Capital sia Savills (leader immobiliare che gestisce la vendita) hanno rifiutato di commentare la notizia.

Fonti del Messaggero confermano che alcuni mesi fa il Papa in persona avrebbe ipotizzato con i suoi collaboratori per procedere con la vendita dell'immobile di pregio.

Tra il 2014 e il 2018 la Santa Sede ha investito sul palazzo 300 milioni di sterline (circa 350 milioni di euro), il che significa che la vendita dovrebbe confermare una perdita di circa 100 milioni di sterline. L'edificio londinese e' al centro di uno scandalo che ha costretto la Santa Sede a ripensare completamente a come gestisce le proprie finanze. Papa Francesco ha in seguito trasferito all'Apsa (Amministrazione del Patrimonio della Sede apostolica) la gestione dei beni e dei fondi rimasti alla Segreteria di Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA