Papa Francesco, il pranzo con i parenti ad Asti: agnolotti del plin e budino al cioccolato per il compleanno della cugina Carla

NELLA FOTO l'abbraccio con la cugina Carla (photo credit Vatican Media)
NELLA FOTO l'abbraccio con la cugina Carla (photo credit Vatican Media)
di Franca Giansoldati
Sabato 19 Novembre 2022, 17:44 - Ultimo agg. 19:16
3 Minuti di Lettura

Città del Vaticano – Per un giorno Papa Francesco ha lasciato perdere la dieta alla quale lo ha costretto il medico. Davanti al pranzo che gli ha preparato la cugina Carla Rabezzana che festeggiava i 90 anni, il Papa nella sua rimpatriata di famiglia ad Asti, nelle Langhe, ha gustato con gioia i piatti tipici locali. Flan di prosciutto, insalata russa, agnolotti del plin, arrosto e, per dolce, il bunet, una specie di budino al cioccolato e amaretti, super calorico. Come vino sulla tavola ha trovato del Grignolino d'annata, vino tipico di quelle parti. A tavola, in una palazzina di Portacomaro, erano in sette. «Ha apprezzato tutto» ha commentato Elio Bellero, 77 anni, uno dei cugini. «Il Papa è proprio uno che parla semplice. Figuratevi che a volte mi telefona quando sono al circolo delle bocce che frequento; allora io lo metto in contatto con gli amici, con i quali si intrattiene tranquillamente conversando del piu' e del meno». 
La padrona di casa, Carla in paese e' conosciuta per l'esuberanza e la vitalita. «Mi chiedete se abbiamo parlato in piemontese? Siamo in Piemonte, no?»

Vaticano, match tra Papa e vescovi tedeschi finisce in pareggio: la rivoluzione per donne prete e coppie gay in Germania continua

Papa Francesco, l'incontro con i parenti e il pranzo blindato

Francesco è arrivato in elicottero al campo sportivo di Portacomaro Stazione poco prima di mezzogiorno, accolto dal parroco della frazione, don Luigino Trinchero, e dopo una breve sosta nella chiesa locale si è diretto in auto dai suoi familiari salutato da qualche centinaio di persone assiepate lungo la strada. Un pranzo blindatissimo: il Papa ha chiesto alle autorità di aver garantita la massima privacy.

Dopo il pranzo con la cugina, che lo ha accolto con un abbraccio, il Pontefice ha fatto visita ad una casa di riposo poco distante, rivolgendo agli ospiti un breve saluto nel salone e conversando individualmente con loro e dando loro una benedizione. Poi si è rimesso in auto diretto a Tigliole, frazione San Carlo, per far visita a un’altra cugina. Domani, alle 11 celebrerà una messa nella cattedrale di Asti.

 


Pedofilia, le vittime criticano il rapporto Cei: «E' ridicolo, non parla di risarcimenti e di collaborazione con la polizia e magistrati»

© RIPRODUZIONE RISERVATA