Papa Francesco travolto in Polonia da critiche negative, irritazione per la «linea pro-Putin»

Mercoledì 4 Maggio 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco travolto in Polonia da critiche negative, irritazione per la «linea pro-Putin»

Città del Vaticano – Papa Francesco è stato travolto da una ondata di commenti negativi in Polonia per le parole pronunciate sulle cause della guerra in Ucraina, sostanzialmente riconducibili a quell'«abbaiare della Nato» che avrebbe irritato e provocato Putin. L'intervista papale affidata al Corriere della Sera continua a essere materia incandescente nei paesi europei che confinano con la Russia e che non comprendono affatto questa lettura dei fatti.

I maggiori quotidiani, blog, radio non hanno risparmiato Papa Bergoglio da critiche pesanti. Lo noto storico Jarosław Makowski ha definito «inquietanti» le affermazioni del pontefice e l'uso dei termini, come quell'abbaiare, individuato per tracciare l'attività dell'Alleanza a motivo della reazione aggressiva del Cremlino. «Il Papa dà l'impressione di un uomo che relativizza le atrocità che vediamo ogni giorno. E l'affermazione sull'abbaiare della Nato si adatta alla propaganda del Cremlino», ha sottolineato. 

 

Il Papa da diversi media polacchi viene affiancato a Pio XII. Se Pacelli è passato alla storia come il pontefice dei silenzi su Hitler, Bergoglio rischia di diventare il Papa di Putin. 

Anche l'altra frase - «Per ora non vado a Kiev. Prima devo andare a Mosca, devo incontrare Putin. Ma io sono anche un prete, cosa posso fare? Faccio quello che posso. Se Putin aprisse la porta..» - ha causato sconcerto. Sempre Makowski a capo dell'Istituto Civico, ha riferito che Bergoglio è una delusione: «non mi piace affatto e dire che sembrava essere una persona piena di compassione e comprensione».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA