Papa Francesco: «Conte sa di cosa parla. Salvini? Non ha chiesto udienza»

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 33
La politica italiana è complicata, «lo confesso, non la capisco, devo studiare». Papa Francesco 'dribblà simpaticamente così alla domanda sull'utilizzo dei simboli religiosi nell'ultima campagna elettorale, quella per le Europee, e dice che sarebbe «imprudente, da parte mia, senza informazioni» esprimere commenti. Ma aggiunge: «Io prego per tutti, perché l'Italia vada avanti, gli italiani si uniscano e siano leali».

Papa Francesco, mea culpa per come i cristiani emarginano e maltrattano i rom

E a chi gli chiede se davvero abbia mai rifiutato di incontrare il vicepremier italiano Matteo Salvini,come trapelato da qualche indiscrezione, il Papa chiarisce: «non ha chiesto un'udienza», né lui né altri vicepremier o ministri. Elogia invece il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: ha chiesto un'udienza «ed è stata data come indica il protocollo». Quella con Conte «è stata una bella udienza, un'ora e più. È un uomo intelligente, un professore, sa di cosa parla». Poi ha ricordato anche di avere visto più volte il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dall'Italia allo sguardo politico sull'Europa: «Pregate per l'Europa se siete credenti - ha detto ai giornalisti nella conferenza stampa sul volo di ritorno dalla Romania - e ai non credenti dico: auguratevi buona volontà e il desiderio che l'Europa torni ad essere il sogno dei padri fondatori».

Ma la politica in generale non fa il bene della gente «quando semina odio e paure», aggiunge il Papa sottolineando anche che «la malattia della politica è la corruzione», un problema «universale». «Non fatemi dire domani che la politica italiana è corrotta, no», il rischio riguarda tutti e «non fatemi dire cose che non dico», ha ribadito. Il Papa, nel volo pur breve, risponde a tutto campo. Torna sulla questione dei migranti, avendo appena lasciato la Romania che vive sulla pelle questo problema da anni. E sottolinea che lasciano il loro Paese «non per turismo ma per necessità». Ed è qui che pronuncia, per la prima volta in questo viaggio in un Paese dell'ex 'cortina di ferrò, anche la parola «comunismo» per dire quello che è successo all'economia della Romania dopo la caduta del regime.

E serve «un appello per la solidarietà mondiale», aggiunge. Sempre tornado al viaggio in Romania parla dei rapporti tra cattolici e ortodossi, definendo più i 'suoì, i cattolici appunto, «a volte chiusi, intransigenti» ma bisogna «camminare insieme», ha ribadito riprendendo il tema del viaggio apostolico nel Paese dell'Europa dell'Est. Nella giornata delle Comunicazioni sociali fa gli auguri ai giornalisti chiedendo loro di «essere testimoni della comunicazione. Un pò meno di contatti e un pò più di comunicazione», è stato il suo suggerimento. Infine è tornato a parlare con grande affetto di Benedetto XVI. «Ogni volta che vado a trovarlo lo sento così», come un nonno, «gli prendo la mano e lo faccio parlare. Lui parla poco e adagio ma parla sempre. Il problema di Benedetto sono le ginocchia, non la testa. È lucidissimo». «Con lui mi sento forte, sento il succo delle radici e che la tradizione della Chiesa non è una cosa da museo ma un succo per crescere», ha aggiunto Bergoglio spazzando via con queste parole tutte le polemiche sul documento del Papa emerito sulla pedofilia che, secondo alcuni osservatori, non era totalmente in linea con le scelte di Francesco.?
Domenica 2 Giugno 2019, 20:59 - Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP