CORONAVIRUS

Vacanze in resort con test e tamponi: il modello post-Covid arriva dalla Sardegna

Mercoledì 20 Maggio 2020 di Valeria Arnaldi
Vacanze in resort con test e tamponi: il modello post-Covid arriva dalla Sardegna

Regalarsi una vacanza in resort in piena sicurezza: il “modello” dell’estate post-covid pare arrivare dalla Sardegna. Forte Village ha lanciato il protocollo “COVID Sustainable Protection”. Chiave del progetto, l’impiego di Test IgM/IgG anticorpale rapido e Tampone molecolare Real-Time PCR. Una linea per il resort ma non solo: un progetto dalle ambizioni più alte, concepito come “best practice” anche per realtà con caratteristiche strutturali simili.

LEGGI ANCHE --> A Fiumicino primo decollo Air France. Alitalia, il 2 giugno ripartono voli per Sud, New York e Spagna

Ogni dipendente e ogni ospite, prima di poter accedere alla struttura, sarà sottoposto ai test.
Il piano, validato da un comitato medico-scientifico composto da esperti delle facoltà di Medicina e Chirurgia delle Università di Padova, Roma Tor Vergata e Cagliari, prende il via in aeroporto, dove personale addetto al controllo medico effettuerà il controllo della temperatura corporea all’ospite e richiederà la compilazione di un modulo di autocertificazione.
Ulteriori controlli sono previsti all’arrivo presso la struttura: in un’area dedicata, saranno effettuati tampone molecolare o test salivare rapido e test anticorpi tramite puntura del dito. A questo punto si aprono vari scenari. In caso di risultati negativi, l’ospite sarà accompagnato in camera, così anche in caso di test negativo e presenza anticorpi IgG. Se i test dovessero dare esito incongruente, la persona sarà accompagnata «in un’area sanificata ed isolata del resort dove potrà soggiornare con tutti i comfort in un ambiente immerso nel verde. Il cliente rimarrà isolato fino a quando non risulterà negativo a due tamponi PCR consecutivi, intervallati da 24 ore». Nel caso in cui il test PCR risulti positivo, sarà avviato un protocollo speciale:  il cliente sarà portato in un’area sanificata e isolata del resort «dove, in accordo e stretto coordinamento con l’ASL, si metterà in atto il “Piano d’azione Covid 19”». A queste misure si aggiungono ovviamente tutte quelle previste in termini di sanificazione, igienizzazione, formazione e via dicendo, in linea con le direttive Oms. Per fare di un Villaggio una sorta di oasi protetta. Anche dal coronavirus.

Ultimo aggiornamento: 14:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA