A Napoli boom di presenze, Fiavet: «Invasione bus turistici paralizza città»

EMBED
(LaPresse) "Napoli è stata invasa dai bus turistici. Un problema che l'amministrazione comunale conosceva da tempo" afferma Maurizio Maddaloni, consigliere alle relazioni istituzionali di Fiavet Campania-Basilicata (Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo). "Un impatto di circa 1500 pullman di cui si aspettava l'arrivo in città e per il quale è stato previsto solo un intervento tampone". L'Amministrazione Comunale ha previsto un parcheggio per gli autobus turistici, che arrivano e ripartono dalla città in giornata, lungo via Marina. Nei fine settimana e nei giorni festivi si forma una coda di bus lunga diversi chilometri che dal porto di Napoli raggiunge il quartiere di San Giovanni a Teduccio. "Esistono dei parcheggi utili ma ben lontani dal centro città. Saremmo d'accordo a questa soluzione se ci fosse un sistema intermodale che invece oggi non è sufficiente. Dei servizi come degli shuttle o un traffico veicolare gestito dal Comune. Ci auguriamo che le tariffe che questi autobus pagano vengano reinvestiti per risolvere i problemi attuali, che vanno affrontati in un tavolo di concertazione con gli operatori del settore". Ha concluso Maddaloni. Alla denuncia risponde il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi "Abbiamo più di duecentomila persone in città" in questo ponte dell'Immacolata "Abbiamo potenziato molti servizi come i trasporti, gli agenti di polizia e gli steward a supporto dei turisti. Questo è ancora un po' un anno transitorio perché il tema è cercare di mettere questi bus in una zona della città più esterna di via Marina garantendo poi un trasporto. Nei prossimi mesi quest'idea va rafforzata e aumenteremo anche le tariffe per gli autobus perché è giusto che ci sia un ritorno per la città rispetto a questo turismo giornaliero".