Delmastro: «Non mi aspettavo rinvio a giudizio e non mi dimetto»

Video
EMBED
(LaPresse) Andrea Delmastro Delle Vedove parla del suo rinvio a giudizio nell'ambito del caso Cospito per rivelazione del segreto d'ufficio. «Io sono uno dei pochi imputati che andrà a processo giocando nella stessa squadra del pubblico ministero che ha chiesto l’archiviazione una volta e il proscioglimento due volte», ha detto il sottosegretario alla Giustizia a margine della commemorazione di Germana Stefanini, agente di polizia penitenziaria uccisa quaranta anni fa dalle Br. «La vera opportunità è che il M5S chieda le dimissioni di una persona che ha difeso il 41 bis - ha continuato Delmastro - Sono orgoglioso di ciò che ho fatto. Ci sono cose che vengono prima del processo, se sei un uomo e quindi io lo rifarei. Non mi aspettavo il rinvio a giudizio. Non penso ad accerchiamenti, la vivo ovviamente come una profonda ingiustizia ma nella sede processuale dimostrerò la mia innocenza. Io continuo a ritenere che non ci sia nessun elemento di segreto, non mi perviene come segreto e siamo in una nazione strana in cui ogni due mesi ci si straccia le vesti per una desecretazione di qualcosa qua c’era una cosa non secretata e io avrei dovuto desecretarla. A Bonelli sono state date le stesse indicazioni, lui ha fatto una domanda di accesso agli atti sbagliata e hanno riqualificato la sua richiesta come atto di sindacato ispettivo e quindi hanno conferito quanto richiesto. Io confermo che li non c’è un segreto».