Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morte Willy, Conte: «Non è stato un eroe ma ha avuto coraggio di intervenire»

Lunedì 26 Ottobre 2020
Video

«Per evitare che si ripeta un caso come quello Willy dobbiamo impegnarci noi tutti quotidianamente. Martin Luther King diceva che a spaventare non è tanto la violenza dei cattivi ma l'indifferenza dei buoni. Non dobbiamo pensare che richieda un'attività eroica l'intervento che fece. Ha avuto il coraggio, la forza e anche la dignità di intervenire in un contesto altamente pericoloso e ci ha rimesso la vita». Così il premier, Giuseppe Conte, intervenendo alla cerimonia di ricordo di Willy Monteiro, il giovane ucciso a Colleferro all'inizio di settembre. «Solo adeguati strumenti culturali prevengono l'attrattività della violenza, altrimenti si arriva alla logica del branco, della sopraffazione, la mitologia della violenza. E allora sì che rischia di diventare falsamente attrattiva», ha aggiunto Conte. «Come contrastarlo? Studiando, comprendendo come la cultura riscatta da queste bassezze morali, afferrando quello che è il quadro dei nostri valori costituzionali, quindi il principio del rispetto della persona, della dignità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA