Cambiamento climatico, temperature aumenteranno di 3 gradi entro fine secolo: le conseguenze

EMBED

Il rapporto delle Nazioni Unite è allarmante: il nostro pianeta sta precipitando verso un aumento delle temperature ben oltre i limiti stabiliti dall'Accordo di Parigi. E a pochi giorni dall'inizio della COP28 a Dubai, le prospettive delineate evidenziano una direzione preoccupante per il nostro futuro climatico. Secondo il documento dell'UNEP, il mondo si sta avvicinando a un incremento termico compreso tra 2,5 e 2,9 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. Questo supererebbe notevolmente la soglia critica stabilita a livello internazionale per il cambiamento climatico. Se continuiamo con le attuali politiche di mitigazione, il riscaldamento globale potrà essere contenuto solo a 3°C entro questo secolo. Solo con l'attuazione completa degli sforzi indicati nei Nationally Determined Contributions (NDC) potremmo sperare di limitare l'aumento della temperatura a 2,9°C. Gli NDC, se pienamente realizzati, porterebbero a temperature non superiori a 2,5°C rispetto ai livelli preindustriali, ma con una probabilità del 66%, sempre secondo il rapporto. In termini percentuali, ciò significa che il mondo deve ridurre le emissioni del 28% entro il 2030 per raggiungere l'obiettivo dei 2°C dell'Accordo di Parigi. Ma al momento, nessun Paese del G20 sta riducendo le emissioni in linea con i propri obiettivi di zero emissioni, mettendo a rischio anche lo scenario più ottimistico di limitare il riscaldamento a 1,5°C. Le prospettive sono allarmanti: se le temperature dovessero aumentare di quasi 3 gradi entro la fine del secolo, le conseguenze sarebbero catastrofiche. Ogni frazione di grado oltre l'1,5°C mette a rischio una vasta popolazione, rendendola vulnerabile a eventi meteorologici estremi e aumentando la probabilità di superare punti di non ritorno per il nostro pianeta, come il collasso delle calotte polari e la devastazione delle barriere coralline.

Foto Shutterstock; musica Korben