Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«È stata la mano di Dio», intervista a Paolo Sorrentino e Toni Servillo

Mercoledì 17 Novembre 2021
Video

di Gloria Satta

Paolo Sorrentino e Toni Servillo presentano “E’ stata la mano di Dio”, il toccante film autobiografico del regista premio Oscar. Premiato con il Leone d’argento a Venezia, presentato in anteprima nazionale a Napoli, atteso nelle sale il 24 novembre e disponibile su Netflix dal 15 dicembre, il film è il candidato italiano alla 94ma edizione degli Academy Award, in programma a Los Angeles il 27 marzo 2022 e corre anche per 3 premi Efa. Protagonista, tra realtà e fantasia, è la vera storia di Sorrentino, adolescente nella Napoli degli anni Ottanta alle prese con il dolore per la morte dei genitori, uccisi da una fuga di monossido di carbonio: solo il cinema lo aiuterà a riprendersi la vita e a immaginare un futuro. Servillo, presenza fissa nei film del regista fin dall’opera prima “L’uomo in più”, interpreta il padre di Paolo. Del cast corale e indovinato fanno parte anche Teresa Saponangelo che fa la madre, il 21enne Filippo Scotti (è il regista da ragazzo), Luisa Ranieri nella parte della zia sessualmente disinibita, Massimiliano Gallo, Enzo Decaro, Dora Romano, Cristiana Dell’Anna, Ciro Capano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA