Crew Dragon, lancio riuscito: la navicella tallona la stazione spaziale - Oggi si vedranno a occhio nudo dall'Italia

Venerdì 23 Aprile 2021
Video

Lancio riuscito, iI razzo Falcon 9 è partito alle 11.49 ora italiana da Cape Canaveral con a bordo i quattro astronauti nella capsula Crew Dragon 2 di SpaceX di Elon Musk: Shane Kimbrough, Megan McArthur della Nasa, il giapponese Akihiko Hoshide e il francese Thomas Pesquet dell'Agenzia spaziale europea. Oggi, sabato, alle 11 (ora italiana)  raggiungeranno la stazione spaziale internazionale il cui comando sarò affidato proprio a Pesquet, primo europeo a volare con la Crew Dragon di SpaceX di Elon Musk. La prossima europea sarà Samantha Cristoforetti tra il febbraio e il luglio del 2022. Intanto a salutare i colleghi al Kennedy Space Center c'era anche Luca Parmitano, pure lui destinato a tornare in orbita, magari quella lunare.

Il lancio con Pesquet, oggi sulle prime pagine dei quotidiani transalpini, è stato seguito in diretta dal premier francese, Jean Castex, dalla sede del Centro nazionale di Studi Spaziali (Cnes) a Parigi.

Come vedere il passaggio dell'Iss e della Crew Dragon domani mattina dall'Italia fra le 5.46 e le 5.51 da tutt'Italia: se le condizioni meteo sono buone è possibile vedere anche a occhio nudo la stazione spaziale internazionale tallonata dalla navicella sul filo dei 28.800 chilometri orari con la distanza fra le astronavi che si riduce. Una scena meravigliosa.

 

 

di Paolo Ricci Bitti

 

 

La ricorrenza

Questa missione segna anche i 20 anni del viaggio del 21 aprile 2001 in cui Umberto Guidoni diventava il primo astronauta europeo a entrare nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Un anniversario storico che l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha celebrato celebra con Thomas Pesquet, primo astronauta europeo su un veicolo commerciale: è in volo con la navetta Crew Dragon chiamata 'Endeavour', proprio come lo Space Shuttle che portò in orbita Guidoni, ed è partita dalla stessa storica piattaforma 39A del Kennedy Space Center a Cape Canaveral. Nel 2001, l'astronauta italiano trascorse in orbita 11 giorni con la missione STS-100, uno dei primi voli di assemblaggio della Stazione spaziale: tra i suoi obiettivi, quello di portare a bordo il braccio robotico Canadarm-2, da usare come gru spaziale, e il modulo logistico 'Raffaello' realizzato in Italia.

La missione, per quanto breve, si rivelò ricca di emozioni inaspettate: prima la lettera personale inviata dal Papa, poi il 25 aprile la conversazione con il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, dal quale aveva ricevuto il gagliardetto della Presidenza della Repubblica da portare in orbita. Immancabili anche gli imprevisti, come il blocco dei computer di bordo e la partenza riprogrammata per consentire l'attracco della Soyuz che trasportava il primo turista spaziale, il miliardario statunitense Dennis Tito.

Dopo l'avventurosa spedizione di Guidoni, sulla Stazione spaziale si sono succedute altre 26 missioni targate ESA: tra i protagonisti tanti italiani, come Roberto Vittori (con le missioni Marco Polo, Eneide e DAMA), Paolo Nespoli (con Esperia, MagISStra e Vita), Luca Parmitano (Volare e Beyond) e Samantha Cristoforetti (con Futura). Proprio AstroSamantha condurrà la 30esima missione dell'ESA sulla Stazione spaziale, prevista per il 2022.

Twitter SpaceX Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

Ultimo aggiornamento: 24 Aprile, 03:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA