La folle corsa del pellet per le stufe: prezzo raddoppiato e introvabile

La folle corsa del pellet per le stufe: prezzo raddoppiato e introvabile
La folle corsa del pellet per le stufe: prezzo raddoppiato e introvabile
di Luca Telli
Sabato 6 Agosto 2022, 10:15 - Ultimo agg. 9 Agosto, 13:48
3 Minuti di Lettura

Pellet, prezzi alle stelle anche nella Tuscia. Per acquistare un sacco da 15 kg in uno dei punti vendita della provincia serve quasi il doppio rispetto a un anno fa.

«Uno dato che allarma spiega Angelo Capone, responsabile provinciale di Adiconsum (associazione difesa consumatori) perché se è vero che agosto è il mese in cui le famiglie acquistano il combustibile per l'inverno, e i prezzi fisiologicamente salgono, è altrettanto vero che siamo in prestagione: in ragione dello stesso principio è lecito aspettarsi un ulteriore scatto durante i mesi freddi».

Roma, salgono i prezzi di bar, ristoranti e hotel: scontrini su del 25%. «C'è l'ombra della speculazione»


Oltre al boom di richiesta, le stufe a pellet nei primi mesi dall'anno hanno registrato un picco di acquisti come forma di risposta alla crisi del gas ed all'aumento del costo delle bollette, nella crescita del prezzo (rimasto sostanzialmente bloccato per 15 anni) contribuisce la difficoltà di approvvigionamento del materiale, del legno cioè con il quale viene preparato il prodotto che in larghissima parte è di provenienza estera.

«Di ragioni - continua Capone - ne possiamo trovare anche altre: dalla guerra russo ucraina agli strascichi dei blocchi imposti dalla pandemia, ma credo che niente possa giustificare un raddoppio dei prezzi in un tempo tra l'altro così breve. Dietro c'è una speculazione evidente, si gonfia il prezzo ipotizzando una scarsità di prodotto nei prossimi mesi come succede per altri consumi.S ervirebbero azioni forti per evitare di caricare ulteriormente le famiglie alle prese già con la corsa dell'inflazione e aumenti considerevoli anche sulla spesa alimentare».

Per capire l'entità dei rincari basta fare una breve ricerca online sui siti specializzati o, semplicemente, su quelli degli store della grande distribuzione che si occupano di edilizia, fai da te, brico & garden dove il pellet può essere acquistato. Fino a dicembre 2021, su una quantità minima di 15 kg, il prezzo era intorno ai 3-5 euro al sacco (con occasionalmente punte di 6 per quelli di altissima qualità); ora è salito tra gli 8 e i 14 per un valore di 1 euro per ogni chilo con tempi di consegne, tra l'altro, non brevi a causa dell'elevata richiesta che ha limitato le scorte.

E nei negozi non va meglio. Da un confronto dei prezzi in tre diversi punti del Viterbese tra il capoluogo, Civita Castellana e Tarquinia, emerge come il costo per un sacco da 15 kg di media qualità oscilla tra gli 8,65 euro per il pellet di faggio e di 8,50 per quello di abete, con picchi tra 9,40 e 10 euro.

All'inizio dell'autunno scorso le stesse marche erano esposte sugli scaffali a 4,60 e 4,75, fino a un massimo di 5,80. Ed i conti sono presto fatti: una comune stufa a pellet consuma circa 0,25 kg/ora per ogni Kw di potenza (circa 2,5 kg di pellet ogni ora), in media nei mesi freddi il consumo è di circa sacco al giorno; per scaldarsi un mese lo scorso anno servivano 138 euro, oggi 259.

© RIPRODUZIONE RISERVATA