Palladio, ecco il vero volto del genio del '500 svelato dalla polizia scientifica

ARTICOLI CORRELATI
di Laura Larcan

Il mistero di Palladio è stato risolto, dopo 500 anni. Il vero volto dell'archistar del Rinascimento è stato identificato. L'identikit? Fronte ampia, convessa e stempiata su entrambi i lati, gli occhi grandi, tondi, con le sopracciglia regolari ma sopratutto, un dettaglio strategico, il naso è sì pronunciato, ma rettilineo, senza difetti di gobbe. La storia dell'arte ha finalmente un volto ufficiale da associare al genio dell'architettura del '500, colui che ha inventato la Villa Veneta, ha griffato i capolavori di Venezia, e che due secoli dopo la morte era ancora tanto famoso da ispirare la Casa Bianca di Washington (non a caso, nel dicembre del 2010 il Congresso degli Stati Uniti lo ha riconosciuto formalmente come "padre dell'architettura americana"). Il traguardo lo si deve alle indagini condotte dalla Polizia di Stato che all'interno dei laboratori del servizio scientifico di Roma, ha infatti applicato ai molti ipotetici "volti" dell'artista le più avanzate tecniche di comparazione fisiognomica e di age-progressing, per ricostruirne l'identikit perfetto. I ritratti del Palladio che da oggi in poi saranno indicati dai manuali di storia dell'arte  sono due: uno proveniente dalla Rotonda palladiana e comprato all'inizio del '900 da un collezionista russo e portato a Mosca. L'altro, acquistato a un mercatino delle pulci in America, realizzato dal pittore Bernardino India. La questione del volto del Palladio ruota intorno alla bizzarra circostanza che "esistono" troppi ritratti: a partire dal Cinquecento, tra Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti, complice il mercato dell'arte e la fama planetaria dell'architetto.

In ballo, infatti, ce ne sono ben 12. Sul banco degli "imputati", sono quelli più celebri e accreditati dell'artista sparsi nel mondo (e fino al 18 giugno riuniti a Vicenza per la mostra Andrea Palladio. Il mistero del volto). Ora, tra ricerche d'archivio, raggi x, infrarossi, age progression e grandi rivelazioni (come il falso Palladio 'cinesè della Royal Collection inglese), finalmente la scoperta: il vero volto è quello di due ritratti, che qui vi mostriamo nella nostra gallery. Perché questa strana circostanza? Tutto è nato da una "assenza". Come ricorda il direttore del museo palladiano, Guido Beltramini, quando Palladio pubblica il suo Trattato "I Quattro Libri di Architettura" (nel 1570) non inserisce, secondo l'usanza dell'epoca, il suo ritratto ufficiale. Da qui, il volto è stato sempre frutto di proposte diverse. E ora? «Il Palladio Museum e la Soprintendenza di Verona - racconta Beltramini - hanno chiesto aiuto al Servizio di Polizia Scientifica per scrivere finalmente la parola fine su quasi trecento anni di dispute sul volto di Palladio: da quando cioè gli inglesi nel 1716 si sono 'inventatì un falso Palladio dipinto da Paolo Veronese. È stato un affascinante incontro fra scienze forensi e storia dell'arte, dove ognuno ha cercato di dare il meglio di sé». «Il mestiere dell'investigatore ben si sposa con la perizia dell'esperto d'arte, entrambi attenti al metodo scientifico e ai dettagli», concorda il Prefetto Vittorio Rizzi, direttore del settore anticrimine della Polizia di Stato. La Polizia scientifica ha la soluzione. C'è riuscita effettuando esami comparativi fsionomici, analizzando e mettendo a confronto, anche con l’ausilio di software specifici, i dettagli dei volti, la fronte, le sopracciglia, le palpebre, gli occhi, il naso e la forma del viso. Le tecniche di comparazione fisiognomica e di age-progressing hanno ricostruito la fisionomia più ravvicinata alla realtà. 
Mercoledì 12 Aprile 2017, 18:00 - Ultimo aggiornamento: 12-04-2017 21:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP