Napoli. Fermati tre ragazzi: sono accusati di aver tentato di uccidere un 17enne

  • 133
Tre giovani ritenuti contigui al clan «Sibillo» sono stati fermati dai carabinieri a Napoli su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea e dal Tribunale per i Minorenni. Sono ritenuti responsabili in concorso di tentato omicidio, lesioni personali e detenzione e porto abusivo d'arma da fuoco, aggravati dal metodo mafioso, per aver ferito a colpi di casco un minorenne e poi sparato allo stesso e al padre in fuga.

I fatti risalgono alla sera del 3 febbraio scorso, quando a Forcella, nei pressi di Via Duomo, i militari dell'Arma hanno accertato che i fermati, dopo aver ferito al torace e alla testa un 17enne utilizzando i caschi, armatisi di una pistola avevano ingaggiato una colluttazione con il padre 45 enne, giunto in difesa del figlio. Quest'ultimo, durante l'aggressione, era riuscito a salire in sella al suo scooter per guadagnare la fuga, mentre il padre, liberatosi momentaneamente dall'aggressore armato, era scappato in auto. I malviventi avevano quindi preso ad inseguirli sullo scooter, sparando durante la fuga diversi colpi d'arma da fuoco, uno dei quali aveva colpito l'autovettura. Il maggiorenne è stato rinchiuso nel centro penitenziario di Secondigliano mentre i minori sono stati portati nel centro di prima accoglienza di Viale Colli Aminei.
Sabato 13 Febbraio 2016, 09:35 - Ultimo aggiornamento: 13-02-2016 10:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP