Avellino, il cancro dei platani colpisce ancora: nuovi abbattimenti

Continua la strage dei platani in città. Altre piante saranno abbattute venerdì prossimo così come programmato dal settore Ambiente di Piazza del Popolo. Il motivo? Sempre lo stesso: l'ormai tristemente noto cancro colorato che negli ultimi 10 anni ha decimato gli arbusti secolari di Viale Italia. Come in passato, il provvedimento - nel quale non è indicato il numero di abbattimenti che sarà eseguito - s'è reso necessario dopo una perizia commissionata dall'amministrazione comunale, le cui risultanze, a seguito delle analisi effettuate dagli agronomi, hanno evidenziato la presenza del parassita: attualmente non sono più di una ventina gli arbusti che ancora resistono, ma il cui destino è probabilmente già segnato.

Altri accertamenti sono, infatti, in corso e non sono escluse altre imminenti azioni.

Per consentire le operazioni, la polizia municipale ha disposto il divieto di sosta, su ambo i lati della carreggiata, e il divieto di circolazione dalle 7 del mattino di venerdì e fino al termine dei lavori nel tratto di strada che va dai civici 34-40 e 51-55. Sarà la ditta esecutrice ad apporre la segnaletica stradale di preavviso, obbligo e deviazione così come prescritto della normativa vigente, mentre i caschi bianchi saranno impegnati nell'esecuzione e nella vigilanza del rispetto dell'ordinanza sottoscritta ieri dal comandante Michele Arvonio. Tutto si svolgerà sotto l'attendo sguardo degli ispettori fitosanitari che saranno inviati dalla Regione per monitorare l'intervento che, oltre al taglio, prevede anche la rimozione della base dei tronchi e delle radici e lo smaltimento di legno, segatura e residui vegetali presso la centrale termica di Casalnuovo.
 
Dunque, dopo alcuni mesi di tregua, l'ultimo taglio risale allo scorso 9 febbraio, i motosega torneranno in azione nell'ormai ex viale alberato.

Sette mesi fa, sempre a causa del cancro colorato, erano stati due gli abbattimenti: complessivamente, soltanto in quest'area, s'è sforata ampiamente quota 100. Il patogeno, infatti, ha attaccato anche altre piantumazioni tra via Verdi, via De Gasperi, via Capozzi e la Villa comunale di Corso Vittorio Emanuele.

A fine gennaio, era stata proprio via Verdi a dire addio ai suoi platani, quando furono buttate giù le ultime 3 delle 12 piante che una volta abbellivano l'arteria che collega via Mancini con corso Vittorio Emanuele. Anche in questo caso tutte sterminate dal cancro colorato.

A maggio dell'anno scorso è stata lanciata una petizione popolare su «Change.org» da Antonio Dello Iaco, un tredicenne avellinese che è riuscito a raccogliere oltre 1500 firme tra le quali quella dell'allora assessore all'Ambiente del Comune di Avellino Augusto Penna - per chiedere la riqualificazione della di Viale Italia proprio attraverso il reimpianto dei platani. Consegnata a Palazzo di città, qualche mese più tardi, tra le mani di Penna, sembrava si fosse arrivati alla soluzione con la promessa dell'impianto di 44 platani immuni alla malattia. Nonostante gli elogi, le promesse e anche un progetto esecutivo - che più in generale riguarda anche via Dorso e via Marconi - da allora nemmeno uno dei 44 alberi è stato piantato. Anzi, tra due giorni saranno ancora di meno quelli presenti.

Leggi l'articolo completo su Il Mattino
Outbrain