Napoli, delegati Unesco a spasso per i Decumani: «Centro storico vivo, Napoli unica»

La conferenza mondiale sulla tutela dei centri storici

Delegazione Unesco in visita a San Gregorio Armeno
«Abbiamo capito perché l'Unesco ha scelto Napoli per la conferenza sulla tutela del patrimonio culturale e artistico qui il centro storico è abitato e...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

«Abbiamo capito perché l'Unesco ha scelto Napoli per la conferenza sulla tutela del patrimonio culturale e artistico qui il centro storico è abitato e vivo» commenta Zoya delegata russa proveniente da San Pietroburgo mentre passeggia per via Tribunali. Perchè stamane alle 10 in punto per un paio di ore i delegati della Conferenza mondiale, una parte di essi almeno, ha passeggiato per il centro storico, per i due Decumani scorati da guide e molte forze dell'ordine, attenzione massima per evitare incidenti e anche perché il clima internazionale molto teso ha fatto sì che la tutela dell'ordine pubblico fosse molto serrato pur non essendo mai stato invadente.

Scansata la classica via San Gregorio, visitat nella notte tra lunedì e martedì, i delgatio sono rimasti ammaliati dalla «napoletanità che abbiamo finalmente capito cosa è: un modo di accogliere i visitatori molto caloroso» commentano i delgato in tutte le lingue del mondo. Divisi in gruppi alcuni hanno fatto escursioni più approfondite altri meno. Il cattivop tempo cioè una bufetra di vento e pioggia però non ha frenato gli entusiasmi per una città che come riconoscono i delegati «vale la pena di conoscere».

La conferenza si conluderà domani con un documento dal titolo che è tutto un programma: Lo spirito di Napoli per richiamare l'attenzione sulla tutela dei centri storici. Perché sulla riascita del centro antico la città sta costruendo il suo rilancio. Ma bisogna che arrivino nuove norme come richieste anche dal sindaco Gaetano Manfredi per la tutela contro la cosiddetta turistificazione.

Leggi l'articolo completo su
Il Mattino