I batteri presenti nello stomaco delle mucche possono disintegrare la plastica, lo dice la scienza

I batteri presenti nello stomaco delle mucche possono disintegrare la plastica, lo dice la scienza
Un team di scienziati austriaci ha scoperto che i batteri trovati in una delle quattro camere dello stomaco delle mucche possono disintegrare la plastica, secondo uno studio...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Un team di scienziati austriaci ha scoperto che i batteri trovati in una delle quattro camere dello stomaco delle mucche possono disintegrare la plastica, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Bioengineering and Biotechnology.

La plastica è molto difficile da smaltire, ma le comunità microbiche che vivono all'interno dell'apparato digerente di alcune specie animali sono una fonte promettente anche se al momento poco studiata, che potrebbero funzionare nella demolizione dei rifiuti di plastica.

Gli autori della ricerca hanno concluso che i batteri presenti nello stomaco delle mucche possono digerire alcuni tipi di materiali come i poliesteri utilizzati nei tessuti compostabili, negli imballaggi e nei sacchetti.
«Nel reticolo del rumine vive un'enorme comunità microbica che è responsabile della digestione del cibo negli animali», quindi «sospettiamo che alcune di queste attività biologiche possano essere utilizzate anche per l'idrolisi del poliestere», un tipo di reazione chimica che si traduce in decomposizione, ha spiegato Doris Ribitsch, professoressa presso la facoltà di risorse naturali e scienze della vita e autrice dello studio.

Lo studio ha analizzato l'effetto del fluido ruminale su tre tipi di poliesteri e tutti sono stati distutti dai batteri. Tuttavia, Ribitsch avverte che l'applicazione di questa nuova tecnica di decomposizione è proibitiva in termini di costi, poiché l'attrezzatura necessaria è costosa e richiede ulteriori approfondimenti.

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino
Minori si fingono boss stragisti: «Adesione alla Cupola sui social»
Messina Denaro, trovata pistola: «Ho letto centinaia di libri»
Pestaggi e violenze in carcere, reintegrati in servizio otto agenti
Missili ipersonici Kinzhal sull'Ucraina: Mosca nega colloqui Putin-Zelensky
Meloni vede il ministro Nordio: «Giustizia veloce è una priorità»