Guerra Mar Nero, Ucraina riceve i missili dagli alleati: «Ne abbiamo a sufficienza per affondare l'intera flotta russa»

Guerra Mar Nero, Ucraina riceve i missili dagli alleati: «Ne abbiamo a sufficienza per affondare l'intera flotta russa»
Pronti e carichi. Locked and loaded come dicono negli Stati Uniti. I missili che gli Usa hanno inviato all'Ucraina «sono già sufficienti per affondare...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
PIÙ CONVENIENTE
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 49,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Pronti e carichi. Locked and loaded come dicono negli Stati Uniti. I missili che gli Usa hanno inviato all'Ucraina «sono già sufficienti per affondare l'intera flotta del Mar Nero della Federazione Russa», ha annunciato il portavoce dell'amministrazione militare regionale di Odessa Sergei Bratchuk. Che poi ha osservato di aver bisogno, secondo gli esperti americani, di cinque missili antinave Harpoon per disabilitare una portaerei, quattro per distruggere un incrociatore e due per distruggere un cacciatorpediniere. 

La potenza dei missili ricevuti

Un missile antinave Harpoon  è in grado di causare seri danni quando colpisce una piccola nave o barca. Ad esempio, due navi iraniane sono state affondate dai missili Harpoon nel Golfo Persico. Come funzionano? Dopo aver completato la collina di lancio, il razzo scende a un'altezza di 15 metri sul livello del mare e quindi effettua un volo di marcia. Quindi scende a 2 metri e colpisce il bersaglio. Secondo gli ucraini, i missili Harpoon consentiranno di eliminare le forze nemiche nel Mar Nero e prevenire una crisi alimentare provocata dai russi.

Le navi russe affondate

Le forze armate ucraine hanno precedentemente effettuato con successo una serie di operazioni navali, distruggendo, in particolare, l'ammiraglia della flotta del Mar Nero della Federazione Russa "Moskva". Ma anche la Admiral Makarov, affondata vicino all'Isola dei Serpenti.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino

Pronti e carichi. Locked and loaded come dicono negli Stati Uniti. I missili che gli Usa hanno inviato all'Ucraina «sono già sufficienti per affondare l'intera flotta del Mar Nero della Federazione Russa», ha annunciato il portavoce dell'amministrazione militare regionale di Odessa Sergei Bratchuk. Che poi ha osservato di aver bisogno, secondo gli esperti americani, di cinque missili antinave Harpoon per disabilitare una portaerei, quattro per distruggere un incrociatore e due per distruggere un cacciatorpediniere. 

La potenza dei missili ricevuti

Un missile antinave Harpoon  è in grado di causare seri danni quando colpisce una piccola nave o barca. Ad esempio, due navi iraniane sono state affondate dai missili Harpoon nel Golfo Persico. Come funzionano? Dopo aver completato la collina di lancio, il razzo scende a un'altezza di 15 metri sul livello del mare e quindi effettua un volo di marcia. Quindi scende a 2 metri e colpisce il bersaglio. Secondo gli ucraini, i missili Harpoon consentiranno di eliminare le forze nemiche nel Mar Nero e prevenire una crisi alimentare provocata dai russi.

Le navi russe affondate

Le forze armate ucraine hanno precedentemente effettuato con successo una serie di operazioni navali, distruggendo, in particolare, l'ammiraglia della flotta del Mar Nero della Federazione Russa "Moskva". Ma anche la Admiral Makarov, affondata vicino all'Isola dei Serpenti.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Mattino