Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
P. Treccagnoli
L'ARCINAPOLETANO di
P. Treccagnoli

Non la fanno buona neanche a san Giuseppe, la Madonna e il Bambino

Mercoledì 8 Agosto 2012
C'è una paraboletta evangelica, tratta probabilmente da qualche testo apocrifo, ma di chiara e gustosa natura popolare, che da bambino mi è stata raccontata spesso, per istruirmi a tenere scarso conto dei giudizi altrui. La conosceranno in molti, per questo la ripropongo a memoria. In tanti tra di voi troveranno varianti e differenze. Da qualche parte esisterà la versione corretta. Chi ha voglia e pazienza la può cercare, io mi affido ai ricordi. Dunque, per sfuggire alla strage degli innocenti di Erode, san Giuseppe, la Madonna e il Bambino si erano incamminati sulla via per l'Egitto. Maria, con il piccolo Gesù, viaggiava seduta su un asino, guidato a piedi da san Giuseppe. La gente che li vede passare non esita a criticarli. «Ma guardate quella donna, lei sta comodamente seduta sull'asino e fa andare a piedi il suo anziano marito». I tre profughi, sentiti i commenti, decidono di fare a cambio. San Giuseppe a dorso dell'asino e la Madonna a piedi. Il nuovo gruppo di persone che incrociano non esita a commentare duramente: «Che uomo snaturato, lui, come un padrone, sull'asino e la povera moglie con il figlioletto a piedi, che crudeltà». San Giuseppe e la Madonna allora decidono di salire tutt'e tre a dorso dell'animale. «Ma che famiglia insensibile» commenta la gente. «Tutt'e tre su quella povera bestia. La uccideranno». Al che la Sacra Famiglia decide di scendere dall'asino e di proseguire a piedi. Non gliela fanno buona: «Ma che avari, non salgono sull'asino per paura di consumarlo». La morale della favola è molto semplice. Qualunque cosa si faccia si è sempre criticati da chi, come si dice a Napoli, se ne sta comodamente seduto sul frascone. Non succede solo a Napoli, ci mancherebbe. Ma da queste parti il vizio di sparlare produce da tempo effetti distorti, perché la vox populi è sempre e comunque considerata la vox Dei, anche se si tratta di una vox insulsa, spesso ignorante più del ciuccio della parabola. Purtroppo, la ricerca del consenso spinge tutti (non solo gli amministratori) a non fare nulla, all'inerzia o alla basculante accondiscendenza all'ultimo commento, tutto per risparmiarsi anche la critica più fessa, senza sapere che pure chi nulla fa scampa dagli strali dei guardiani dell'asino.  Ultimo aggiornamento: 13:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA