Caserta, la svolta dei rifiuti:
addio Ecocar, c'è Energetikambiente

Domenica 25 Agosto 2019 di Lia Peluso
In dirittura d'arrivo l'affidamento dei «Servizi di gestione dei rifiuti urbani e assimilati avviati al recupero e trattamento» nel Comune di Caserta, manca la comunicazione ufficiale ma a gestire il servizio dovrebbe essere la ditta Energetikambiente srl. La procedura di gara si è conclusa l'altro giorno alla centrale di committenza Asmel. Si tratta della nuova procedura avviata dal comune di Caserta, a maggio scorso, dopo aver deciso di abbandonare l'appalto dei rifiuti previsto dalla gara di 116 milioni avviata l'anno scorso sulla quale la Dda ha avviato un'inchiesta che ha portato a novembre scorso a una lunga perquisizione negli uffici comunali e all'iscrizione del sindaco Marino nel registro degli indagati.
 
Energetikambiente srl si dovrà occupare del servizio per la durata di sei mesi, rinnovabili per altri sei, per l'importo complessivo di 11.932.117,20 euro, corrispondente a un canone mensile di circa un milione di euro. L'oggetto del nuovo appalto sono: raccolta domiciliare della frazione umida dei rifiuti urbani per le utenze domestiche e utenze non domestiche, della frazione secca residua dei rifiuti urbani per le utenze domestiche e non domestiche, dei rifiuti urbani costituiti da carta e da cartone per le utenze domestiche e non domestiche, degli imballaggi in plastica e metalli per le utenze domestiche e non domestiche e vetro e imballaggi in vetro per le utenze domestiche e non domestiche. Inoltre, l'appalto prevede lo spazzamento e pulizia del suolo pubblico o comunque soggetto a pubblico passaggio, lavaggio e disinfezione del suolo pubblico ed ancora il servizio di svuotamento dei cestini portarifiuti e pulizia dell'area circostante; diserbo delle strade, marciapiedi e banchine piazze ed aree pubbliche o comunque soggette ad uso pubblico; rimozione e smaltimento di deiezioni animali e raccolta di siringhe abbandonate.

Energetikambiente srl avrà anche la gestione dei Centri di raccolta comunali e si occuperà del trasporto di tutti i rifiuti raccolti agli impianti di smaltimento o recupero. La nuova ditta che prende il posto di Ecocar deve garantire l'incremento della percentuale di raccolta differenziata del 4%. La decisione di avviare una procedura di affidamento di mini appalto, tenuto conto che la precedente procedura prevedeva un importo di oltre 116 milioni per una durata di 84 mesi, sarebbe stata maturata nell'ottica di avviare una gestione in house del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Un progetto, quello appena descritto, che è stato illustrato dal dirigente del settore Ambiente del Comune, Francesco Biondi, in occasione del consiglio comunale che si è svolto a luglio. Nell'aula consiliare, Biondi, nel rispondere all'interrogazione presentata dal consigliere comunale di Forza Italia, Roberto Desiderio confermò che il nuovo indirizzo dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Carlo Marino, di lasciar perdere il maxi appalto per il servizio di gestione dei rifiuti comunicando l'avvio della nuova mini gara, nell'attesa che il Comune studi il progetto per la gestione in house della raccolta rifiuti. Per quest'ultimo progetto si dovrà ricorrere a un professionista esterno incaricato del Comune.

Sempre in quell'occasione il dirigente Biondi anticipò che ad agosto il Comune avrebbe rescisso il proprio contratto con EcoCar, la ditta che attualmente si occupa della gestione dei rifiuti nella città capoluogo in quanto la stessa è stata raggiunta in passato da una interdittiva antimafia. Una vicenda complessa, seguita con attenzione dall'Anac. © RIPRODUZIONE RISERVATA