Finanza al Municipio di Maddaloni,
nel mirino i contributi fitto

di Giuseppe Miretto

MADDALONI - Terzo blitz della Guardia di Finanza, in appena un mese, in Comune.

Non c'è atto amministrativo che ormai non passi al vaglio della Fiamme Gialle: dopo le ispezioni sulla gestione dei servizi cimiteriali, le verifiche sui rapporti con l'Interporto, ieri mattina, è stato il turno delle graduatorie della legge 431. Ritorna il tormentone giudiziario sui criteri di erogazione dei fondi regionali destinati alle «agevolazioni fiscali ed economiche per i contratti di locazione nei comuni ad alta tensione abitativa». È riscoppiata la guerra delle graduatorie: circa mille famiglie, a colpi di ricorsi, si contendono un posto tra gli assegnatari in un elenco di aventi diritto già bocciato, per ben due volte, in sede regionale. Così, la commissione tecnica, chiamata a deliberare, non è ancora riuscita ad assegnare i fondi del 2015: in prospettiva, gli arretrati delle annualità non corrisposte (triennio 2015-2017) sfiorano il milione di euro. Ora, le contestazioni «sugli errori per mancata acquisizione di documentazione o erronea attestazione della mancanza di requisiti (famiglie numerose, reddito, situazione patrimoniale)», già valutate in Regione, sono al vaglio pure della Guardia di Finanza. Dopo la ribellione dei non ammessi nella prima stesura della graduatoria, è ora in atto la rivolta degli esclusi nella lista riscritta. Si contendono circa 320 mila euro di finanziamento (fondi 2015), decurtati del 30 per cento rispetto all'annualità precedente (2014).
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 6 Settembre 2018, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP