Zagaria condannato a otto anni
per le minacce al direttore del carcere

Zagaria condannato a otto anni per le minacce al direttore del carcere
Venerdì 2 Ottobre 2020, 22:43
3 Minuti di Lettura

Il Tribunale di Milano - in composizione monocratica - ha condannato il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria (difeso da Paolo Di Furia) a tre anni e nove mesi di carcere per le minacce al direttore del penitenziario milanese di Opera, quelle ad un psichiatra della struttura e le lesioni provocate ad una guardia penitenziaria; il boss originario di Casapesenna è da anni al 41bis.

Il pubblico ministero aveva chiesto otto anni e mezzo di carcere per dieci capi di imputazione, tutti con l'aggravante mafiosa; il giudice monocratico ha condannato Zagaria per minacce, lesioni e danneggiamento, assolvendolo per altre contestazioni, come la resistenza a pubblico ufficiale.
 


I fatti contestati a Zagaria sono avvenuti tra il 5 e il 19 maggio 2018, quando Zagaria nel carcere di Milano-Opera, distrusse le telecamere di sorveglianza installate nella sua camera detentiva aggredendo gli agenti addetti alla sua vigilanza; sempre in quei giorni il capoclan pronunciò davanti allo psichiatra del carcere gravi minacce verso il direttore. «Il direttore - aveva detto - lo paragono ad una busta di immondizia, e io l'immondizia la butto fuori»; al professionista che lo ascoltava, Zagaria disse: «gli psichiatri come hanno fatto a mettere a me la busta in testa, così posso fargliela mettere a loro».

Altro episodio contestato avvenne il 18 maggio, quando Zagaria offese ad alta voce, facendosi sentire da altre persone, un agente penitenziario, che poi colpì con due schiaffi al volto; il giorno, il boss dei Casalesi minacciò un altro agente che doveva fare rapporto. «Se quel rapporto esce fuori dalla sezione, io prendo quindici giorni di isolamento, quindi dato che lei è una persona intelligente, sa cosa deve fare».

Michele Zagaria è attualmente recluso nel carcere di Sassari. Ad Opera è recluso invece Pasquale Zagaria, fratello del capoclan, tornato in carcere dopo cinque mesi trascorsi ai domiciliari per motivi di salute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA