Seconda edizione degli Art Days - Napoli Campania si svolgerà dal 24 al 27 novembre 2022

52 enti hanno aderito, tra loro: musei, spazi indipendenti e collezioni private

Amedeo Benstante-Spot Home Gallery, Napoli
Amedeo Benstante-Spot Home Gallery, Napoli
Venerdì 18 Novembre 2022, 19:57
8 Minuti di Lettura

La seconda edizione degli Art Days - Napoli Campania si svolgerà dal 24 al 27 novembre 2022, in ogni capoluogo della più votata tra le regioni europee ai linguaggi del contemporaneo. Le curatrici svelano i 52 enti che hanno aderito: undici tra musei e fondazioni, quindici gallerie, sedici tra spazi indipendenti e associazioni culturali, due collezioni private, quattro residenze d’artista; coinvolte inoltre quattro aziende vitivinicole del territorio e un’area archeologica nazionale, con quattro opere e un happening prodotte attraverso due open call lanciate in Italia.

L’associazione promotrice, Attiva Cultural Projects, celebra anche il successo della prima edizione (16-19 dicembre 2021) a cui hanno preso parte 46 tra istituzioni, gallerie e spazi indipendenti per un totale di 51 tra aperture ed eventi specificamente creati per gli Art Days tra Napoli, Benevento, Caserta, Salerno e relative province nonostante il difficile scenario internazionale e la legislazione d’emergenza ancora vigente in quel periodo.

Art Days – Napoli Campania è il primo grande evento diffuso dedicato all’arte contemporanea in tutta la regione: ha l’obiettivo di valorizzare le eccellenze artistiche del territorio innescando un dialogo tra gli attori del sistema, offrendo visibilità dal respiro nazionale e internazionale ad un contesto tra i più sensibili per la produzione, la fruizione ed il collezionismo di arte contemporanea.

La Campania si distingue già, anche a livello extra-europeo, per la caratura degli attori dell’art system che operano in regione, ma resta l’unico territorio a non avere ancora appuntamenti dedicati che mettano a sistema tutti gli operatori ed artisti su esso presenti, invitando il pubblico ad esplorare un unico calendario concentrato di mostre, performance, progetti speciali, premi e conferenze. Per questo abbiamo sentito l’esigenza di progettare gli Art Days e non una fiera: per dare la possibilità a visitatori da tutto il mondo (ma anche dalle altre regioni italiane e da ogni zona della stessa Campania) di prenotare un weekend lungo con la possibilità di fruire anche di alloggi convenzionati e tour dedicati che raccontino il milieu regionale interagendo direttamente con gli attori che lo esprimono tutto l’anno nella loro struttura: un museo, una collezione privata, una galleria, uno spazio indipendente e molto altro.

Con un programma bilingue (italiano/inglese), i visitatori di ogni nazionalità potranno godere di un percorso speciale in ogni istituzione e galleria aderenti e conoscere altre eccellenze e luoghi iconici del territorio campano oltre l’arte contemporanea grazie alla campagna social che racconta luoghi, monumenti e storie ricche di emozione accompagnando i futuri visitatori fino ai giorni dell’evento’ affermano le fondatrici di Attiva Cultural Projects, Martina Campese e Raffaella Ferraro (1991, Napoli/Vico Equense), l'associazione che, insieme a Letizia Mari (1994, Milano) ha ideato e cura il festival e che, da questa seconda edizione, allarga il team curatoriale e manageriale includendo Valeria Bevilacqua (1989, Ferrara).

Art Days - Napoli Campania ha ricevuto i patrocini della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e della British Chamber of Commerce for Italy oltre al Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee - museo Madre. L’associazione Attiva Cultural Projects è tra i vincitori del bando “Piano di promozione culturale 2022” della Regione Campania che assegnerà un finanziamento a questa edizione del progetto.

Mostre, interventi site-specific, performance, talk, visite guidate e tour, attività didattiche, workshop (e, per la prima volta, un programma by-night dedicato) affolleranno la seconda edizione degli Art Days: importanti le partnership con i principali musei, istituzioni e network aziendali nazionali e internazionali. 

L’Accademia di Belle Arti figura tra i main partner del progetto, grazie alla realizzazione di un progetto formativo dedicato realizzato in collaborazione con l’associazione riTROVO, fondata nel 2021 da un gruppo di ex-studenti, che realizza Walk Tour e Attività Didattiche nelle quattro giornate di evento.

Il museo Madre offrirà un ingresso ridotto ai visitatori e ospiterà uno dei quattro talk curati dal team Art Days che verte sul tema attualissimo di nft e crypto arte tra sfide, rivoluzioni e paradossi. Il Museo e Real Bosco di Capodimonte offrirà aperture speciali ad ingresso scontato o gratuito, improntate alle collezioni contemporanee. La Reggia di Caserta proporrà speciali visite guidate della collezione Terrae Motus.

Il Museo archeologico nazionale di Napoli, nonostante la sua missione di valorizzazione copra un periodo storico ben situato, si è distinto negli ultimi decenni per lo spazio dato a grandi mostre di artisti contemporanei affermati ed emergenti. L’utilizzo dei linguaggi del contemporaneo, inclusi musica e gaming, è parte integrante dell’offerta annuale. Per gli Art Days il Mann ospiterà due dei quattro talk curati dal team, uno sul collezionismo italiano e i nuovi mecenati del XXI secolo, l’altro sui modelli di collaborazione tra arte e aziende.

Le fondazioni di origine privata o i luoghi di cultura che prenderanno parte con eventi dedicati, aperture o visite guidate speciali, sono: Casa Morra (Napoli), la Fondazione Filiberto e Bianca Menna (Salerno), la Fondazione Morra Greco (Napoli), la Fondazione Plart (Napoli) e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli) che ospiterà la conferenza stampa inaugurale della quattro giorni internazionale il 18 novembre alle ore 11.

Quindici gallerie hanno confermato la loro adesione che prevede aperture coordinate e, in molti casi, inaugurazioni: Aa29 (Caserta), Acappella (Napoli), Andrea Ingenito Contemporary Art (Napoli), Andrea Nuovo Home Gallery (Napoli), Galleria Lia Rumma (Napoli), Galleria Paola Verrengia (Salerno), Gallerie Riunite (Napoli), Galleria Umberto di Marino e Casa Marino (Napoli), Le 4 Pareti (Napoli), Spot Home Gallery (Napoli), SyArt Gallery (Sorrento), Studio Trisorio (Napoli), Swing Gallery (Benevento), Thomas Dane (Napoli).

Sedici spazi indipendenti e associazioni culturali che lavorano con l’arte visiva aderiscono presentando progetti e programmi dedicati: Collettivo Zero | Viale delle Metamorfosi (Napoli), Exit Strategy (Napoli), Fenice in Pigiama, Casalnuovo (NA), Flip Project Space (Napoli), Gaudium Gallery (Napoli), La Casaforte S.B. (Napoli), Labinac (Napoli), Magazzini Fotografici (Napoli), Opificio Puca, Sant’Arpino (Caserta), puntozerovaleriaapicella (Napoli), Quartiere Intelligente (Napoli), Quartiere Latino (Napoli), SMMAVE (Napoli), Spazio Amira, Nola, Tramandars, Somma Vesuviana, Underneath the Arches (Napoli).

Quattro le collezioni private d’arte contemporanea coinvolte: Collezione Agovino, Collezione Ernesto Esposito, Collezione Frasca e la Collezione Rossetta, tutte protagoniste della tavola rotonda dedicata al collezionismo italiano e alle nuove forme di mecenatismo, e anche con progetti specifici durante la manifestazione.

Quattro residenze d’artista parteciperanno del pari agli Art Days: SuperOtium con il progetto Grand Tour en Italie, la Residenza ExtrArtis del Relais La Rupe (Sorrento), la residenza noh-art promossa dal collezionista Ernesto Esposito e la residenza Casa l’Orto di Marea Art Project (Praiano).

Due sono i premi che le curatrici e fondatrici di Art Days - Napoli Campania hanno presentato per la prima volta quest’anno: entrambi dedicati ad artisti emergenti residenti in Italia, oltre ad offrire una residenza artistica ed un premio di produzione in denaro per la realizzazione dell’opera, promuovono in sinergia due eccellenze territoriali: il vino ed il paesaggio agricolo campano, e l’enorme patrimonio archeologico attualizzando un sito fortemente antropizzato.

Wine Wise. Metodologie della trasformazione è la prima open call volta alla promozione del legame tra arte contemporanea e aziende vitivinicole realizzata nella regione Campania e rivolta ad artisti emergenti. Il progetto si sviluppa in collaborazione con l’associazione The Emotional Experience (di Cristina Varchetta, Natascia Sole, Rosa Puorro) all’interno di quattro aziende vitivinicole campane distribuite in altrettante province: Cantine Astroni (NA), Cantine Iannella (BN), Villa Matilde Avallone (CE), Villa Raiano (AV). 

Il bando di partecipazione si è chiuso il 20 settembre, con tre artisti e un duo di vincitori, selezionati dalle curatrici di Art Days coadiuvate da una giuria di eccezione: il collezionista Fabio Agovino, il team The Emotional Experience, la giornalista e critica d’arte Stella Cervasio con la critica d’arte Renata Caragliano (La Repubblica) la cui votazione è avvenuta tra Boston e Napoli, e un rappresentante per ciascuna delle cantine coinvolte. I vincitori sono stati annunciati il 30 settembre e le opere site specific realizzate durante il periodo di residenza, svoltasi dal 24 al 31 ottobre, saranno acquisite dalle cantine partecipanti e presentate dagli artisti tra il 18 e il 20 novembre attraverso l’organizzazione di tour speciali tra arte e degustazione che faranno da vera e propria vigilia ai giorni clou della manifestazione. Andrea Bolognino (Napoli, 1991) è stato ospite a illa Matilde Avallone (CE), il duo TRANSPECIES - Valentina Avanzini (Parma, 1995) ed Emanuele Resce (Benevento, 1987) a Villa Raiano (AV) mentre Giovanni Chiamenti (Verona, 1992) presso Cantine Astroni (NA) e Miriam Montani (Cascia, 1986) a Cantine Iannella (BN).

Video

Art Residency - Flegreo per il contemporaneo è il secondo premio nel ricco parterre di Art Days e ha l’obiettivo di coinvolgere la comunità flegrea, chiamata a ridefinire - attraverso il lavoro svolto insieme all’artista vincitore Niccolò Moronato (Padova, 1985) annunciato il 7 ottobre - la propria relazione con il sito del Macellum - Tempio di Serapide. La giuria selezionatrice, anch’essa d’eccezione, è composta dal team Art Days - Napoli Campania, dal team Aporema O.N.L.U.S. (Antonio Manzoni e Daniela Politelli), da Fabio Frasca, il giovane collezionista fondatore dell’omonima collezione, dalla caposervizio cultura e primo piano del Corriere della Sera (ed. del Mezzogiorno) Mirella Armiero e dal Direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Fabio Pagano. L’artista, grazie a una residenza sponsorizzata dalla rete diffusa di B&B puteolani Anyway Campi Flegrei e da un premio produzione per l’opera sostenuto da ROSSI - STUDIO LEGALE TRIBUTARIO, realizzerà un intervento partecipativo con i cittadini, che trasformerà temporaneamente l’area archeologica in un campo da minigolf.

Se WineWise offre una preview degli Art Days, Flegreo per il Contemporaneo ne rappresenta il gran finale: il Macellum - Tempio di Serapide di Pozzuoli ospiterà il finissage della kermesse con la presentazione dell’intervento realizzato dall’artista, domenica 27 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA