Capri tra arte, bellezza e mondanità secondo Della Ragione

Perché la verità è che Capri non è mai appartenuta alla Campania, tantomeno all’Italia o al mondo: è semplicemente il luogo fisico dove si materializza l’iperuranico sogno del Paradiso Terrestre. Se ne parla nel nuovo libro di Achille della Ragione «Capri tra arte, bellezza e mondanità», Giammarino editore.

L’autore si fa testimone di quel tempo e racconta le sue vacanze nella villa posseduta per trent’anni sull’Isola, fatti sconosciuti e profili inediti di personaggi come i musicisti Peppino di Capri e Guido Lembo, nobili caratteristici come Dado Ruspoli e Pupetto di Sirignano, Adriana Di Fiore della boutique La Parisienne e la pittrice Carmelina. Il testo è corredato da oltre 200, in molti casi rarissime, foto d’epoca rigorosamente in bianco e nero, tra le quali scorrono in una immaginaria passerella tra le immortali stradine, donne dal fascino divino e uomini da quello del potere e della finanza.
Sabato 24 Febbraio 2018, 12:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP